I dubbi inerenti la Vigilia di Capodanno affliggono da sempre il popolo del Bel Paese. Il 31 dicembre è lavorativo o festivo? Scopriamolo insieme

Vigilia di Capodanno
Fonte Adobe Stock

Il 31 dicembre è un po’ come la Vigilia di Natale, non si sa mai come bisogna comportarsi per quanto riguarda il lavoro. Nonostante da calendario non sia un giorno festivo, l’ambiguità rimane. Alla Vigilia di Capodanno si è soliti salutare l’anno ormai andato con il classico veglione, con l’auspicio che quello in arrivo possa portare cose migliori.

Per questo è bene comprendere questa situazione, in particolar modo per i lavoratori dipendenti, che in molte circostanze non sanno come comportarsi. Vediamo quali sono le normative a tal proposito. 

Vigilia di Capodanno: lavorativo o festivo? Ecco svelato il mistero

A differenza della tradizione la regola generale prevede che il 31 dicembre sia un giorno prefestivo, quindi non segnato di rosso sul calendario. Per effetto di ciò non è previsto nessun trattamento speciale in busta paga e quindi è da considerare a tutti gli effetti come un giorno lavorativo. Naturalmente il discorso cambio quando questo giorno ricade di domenica.

In questa circostanza bisogna attenersi a quanto stabilito dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro della categoria di riferimento per quanto riguarda il lavoro domenicale. Quindi in situazioni normali come quella di quest’anno (il 31/12 ricade di venerdì) chi vuole godersi la giornata deve usufruire di eventuali ferie o permesso.

Differente il discorso per chi lavora il 31 sera e per forza di cose si protrae dopo la mezzanotte. A quel punto scatta il 1 gennaio che è un giorno festivo a tutti gli effetti. Chi presta il proprio lavoro ha diritto al pagamento del lavoro straordinario festivo. 

Qualora Capodanno sia di sabato o domenica deve essere aggiunta una quota a titolo di maggiorazione, come ad esempio lo straordinario festivo se non è previsto un riposo extra successivo.

LEGGI ANCHE >>> Capodanno, Omicron spegne le luci: quali sono le feste consentite

Un esempio calzante in tal senso è quello dei camerieri dipendenti, che in occasione dei veglioni di Capodanno lavorano durante la cena del 31 dicembre e continuano oltre la mezzanotte e magari fino alle prime luci dell’alba.