Occhio alla clamorosa novità riguardante le bollette, in quanto dovrete cambiare fornitore. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa sta succedendo.

Bolletta cambio fornitore
Foto © AdobeStock

Spesso non ci facciamo caso, eppure tutte le volte in cui decidiamo di utilizzare un bene o un servizio ci ritroviamo, inevitabilmente, a dover sborsare del denaro. Ne sono un chiaro esempio i vari elettrodomestici presenti nelle nostre case. Quest’ultimi, infatti, finiscono per avere un impatto non indifferente sull’importo finale delle bollette della luce. Ad aggravare la situazione, poi, la crisi economica causata dal Covid, che costringe molte famiglie a dover fare i conti con delle minori entrate e di conseguenza ad avere delle difficoltà nel riuscire a fronteggiare le varie spese.

In tale contesto, pertanto, non stupisce che siano in molti a prestare particolare attenzione ai vari consumi, al fine di risparmiare qualche euro. Se tutto questo non bastasse, bisogna prestare particolare attenzione ad una clamorosa novità riguardante proprio le bollette. Questo in quanto in molti saranno costretti a cambiare fornitore. Ma per quale motivo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Bollette, occhio alla clamorosa novità, dovete cambiare fornitore: tutto quello che c’è da sapere

Diverse sono le voci che vanno ad incidere sul costo finale della bolletta, con molti che cercano per questo motivo di ridurre i consumi, al fine di risparmiare qualche euro. Proprio in tale ambito qualche settimana fa abbiamo visto assieme quali sono gli elettrodomestici che consumano di più, finendo così per pesare sul costo finale della bolletta che andremo poi a pagare.

Sempre soffermandosi sulle bollette si invita a prestare particolare attenzione ad una clamorosa novità riguardante proprio quest’ultime. In molti, infatti, saranno costretti a cambiare fornitore. Ma per quale motivo? Ebbene, bisogna ricordare che a breve dovremo dire definitivamente addio al cosiddetto “Mercato di maggior tutela”. Il Servizio Elettrico Nazionale, infatti, è pronto a chiudere i battenti e per questo motivo tutti coloro che usufruiscono di questo particolare regime di prezzi dovranno cambiare fornitore.

Bollette, addio al mercato di maggior tutela nel 2023: come comportarsi

Entrando nei dettagli bisogna sapere che il mercato di maggior tutela, così come previsto dal Decreto Milleproroghe, smetterà di esistere a partire dal 1° gennaio 2023. Ne consegue, quindi, che proprio entro tale data i soggetti interessati dovranno effettuare il passaggio al mercato libero.

In quest’ultimo caso, così come facilmente intuibile dal nome, a fissare i prezzi sono le aziende. I prezzi, di conseguenza, dovrebbero risultare più vantaggiosi, per via della competitività tra le varie società. In attesa di scoprire quali aziende offriranno i prezzi più vantaggiosi, interesserà sapere che nel caso in cui non si cambi operatore entro il 1° gennaio 2023, si avranno ancora sei mesi di tempo a disposizione.

I soggetti interessati, infatti, potranno effettuare la scelta più adatta alle proprie esigenze entro luglio 2023. Se anche entro tale termine non verrà cambiato operatore, allora il passaggio avverrà in modo automatico al fornitore che vincerà un bando che verrà indetto proprio per tale scopo.

LEGGI ANCHE >>> Benzina: prezzi in preoccupante aumento, ma evitare la batosta è possibile

Una clamorosa novità, quella che riguarda le bollette, in seguito alla quale in molti dovranno pertanto cambiare operatore. Non resta quindi che iniziare a dare un’occhiata alle varie offerte disponibili, in modo tale da scegliere la soluzione più conveniente in base alle proprie esigenze e cercare così di risparmiare qualche euro.