Anche nel 2022 in molti potranno ottenere l’esenzione del canone Rai. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

canone rai 2022
Foto © AdobeStock

Siamo ormai giunti alle ultime settimane dell’anno e per questo ci accingiamo a salutare il 2021 per dare il benvenuto al 2022. Un nuovo anno che si spera porterà con sé delle novità positive, soprattutto considerando che gli ultimi due anni sono stati particolarmente difficili a causa del Covid che ha avuto e continua ad avere un impatto negativo sulle nostre vite. Proprio a causa di questo virus, in effetti, abbiamo dovuto cambiare molte nostre abitudini. Ne è una chiara dimostrazione l’utilizzo sempre più massiccio dei vari dispositivi tecnologici.

Tra questi si annoverano a titolo di esempio gli smartphone e i computer. Ma non solo, tra i mezzi di comunicazione più utilizzati e apprezzati si annovera senz’ombra di dubbio la televisione. A proposito di quest’ultima, per poter vedere i vari canali bisogna necessariamente pagare il canone Rai. Proprio in tale ambito, pertanto, interesserà sapere che anche nel 2022 in molti potranno ottenere l’esenzione del canone Rai. Ma come è possibile e soprattutto che ne ha diritto? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Canone Rai 2022, ottenere l’esenzione è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Mentre continuano le polemiche in merito alla possibilità di estendere il pagamento del canone a tutti i dispositivi elettronici, quali smartphone, tablet e pc, sono in tanti a voler sapere se avranno o meno diritto all’esenzione del relativo pagamento con l’arrivo del nuovo anno. Ebbene sì, la risposta è affermativa. Anche nel 2022, infatti, in molti, purché in possesso di determinati requisiti, potranno richiedere e ottenere l’esenzione del canone Rai.

A tal fine non dovranno fare altro che presentare l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Entrate, attraverso il quale devono dichiarare che non è presente alcun televisore in nessuna delle loro case in cui risulti attiva l’utenza elettrica. Hanno diritto all’esenzione del canone anche i soggetti aventi più di 75 anni, a patto che il reddito annuo proprio e del coniuge non superi complessivamente quota 8 mila euro.

In quest’ultimo caso bisogna sapere che il soggetto interessato ha diritto all’esenzione per l’intero anno se compie 75 anni entro il 31 gennaio 2022. Nel caso in cui compia 75 anni nel periodo compreso tra il 1° febbraio e il 31 luglio, invece, avrà diritto all’esenzione solamente solo per il secondo semestre. Oltre ai requisiti reddituali e anagrafici poc’anzi citati, è necessario che il soggetto richiedente non conviva con soggetti titolari di reddito proprio.

Ovviamente a eccezione di colf, badanti e altri collaboratori domestici. Ma non solo, anche i diplomatici e militari stranieri, i funzionari e gli impiegati consolari, i funzionari di organizzazioni internazionali e gli agenti diplomatici, sono esonerati dal pagamento del canone Rai.

Esenzione canone Rai, come e quando farne richiesta

Dopo aver visto chi ha diritto, anche nel 2022, all’esenzione del canone Rai, interesserà saper come e quando bisogna presentare il relativo modello di dichiarazione sostitutiva. Ebbene, in base a quanto si evince dal sito dell’Agenzia delle Entrate, la dichiarazione “per avere effetto per l’intero anno, deve essere presentata a partire dal 1° luglio dell’anno precedente ed entro il 31 gennaio dell’anno di riferimento. La dichiarazione presentata dal 1° febbraio ed entro il 30 giugno dell’anno di riferimento ha effetto per il canone dovuto per il semestre luglio – dicembre del medesimo anno“.

Ne consegue, quindi, che per poter beneficiare della relativa esenzione per l’intero anno 2022, bisogna presentare apposita richiesta entro il 31 gennaio del prossimo anno. Soffermandosi sulle modalità, invece, bisogna sapere il modulo deve essere presentato direttamente dal contribuente oppure dall’erede attraverso il servizio web accessibile direttamente dal sito internet dell’Agenzia delle Entrate.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, la scomoda verità: tutto quello che c’è da sapere

In alternativa è possibile rivolgersi a degli intermediari abilitati oppure inviare una raccomandata senza busta all’indirizzo: Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino. Altrimenti è possibile inviare apposta richiesta attraverso posta elettronica certificata, a patto che la dichiarazione stessa sia sottoscritta mediante firma digitale. In quest’ultimo caso, quindi, la dichiarazione firmata digitalmente dovrà essere inviata attraverso PEC all’indirizzo cp22.canonetv@postacertificata.rai.it.