Le persone che soffrono di diabete e ipertensione devono stare attente alla dieta alimentare. Nello specifico devono limitare il consumo di un alimento che potrebbe rivelarsi alquanto dannoso.

diabete e ipertensione
Pixabay

La presenza di patologie determina un aumento dell’attenzione verso ciò che si beve e mangia. Alcuni alimenti, infatti, rischiano di peggiorare uno stato di salute precario. Conoscere le combinazioni da evitare è, dunque, necessario per diabetici e ipertesi, le cui problematiche possono comportare conseguenze piuttosto gravi. Zucchero, sale, olio, grassi sono prodotti che è meglio non abbinare in presenza di specifiche malattie ma spesso si consumano inconsapevolmente alimenti dannosi credendoli innocui.

Aceto di vino, massima attenzione per chi ha il diabete e l’ipertensione

L’aceto di vino è l’insospettabile prodotto che i soggetti che soffrono di diabete e di ipertensione dovrebbero consumare con moderazione. Nasce dalla fermentazione dell’uva bianca o rossa provocata dalla presenza di specifici batteri. L’uso dell’aceto di vino è piuttosto noto. Serve per conservare i cibi e per questo è usato prevalentemente per le conserve di verdure. In più, negli ultimi anni, l’aceto di vino si è diffuso come prodotto da utilizzare in cucina per preparare pietanze ma vengono sfruttate anche le sue proprietà pulenti. Insomma, il consumo dell’aceto di vino è diventato comune in tante famiglie, ma quali sono le conseguenze per chi ha il diabete o l’ipertensione?

Leggi anche >>> Un insospettabile alimento può causare infarti e ictus: non sottovalutiamo le dosi

Attenzione all’uso dell’aceto di vino, le conseguenze

L’aceto di vino è sconsigliato alle persone che soffrono di diabete e ipertensione per alcune sue proprietà. L’aceto può, per esempio, far abbassare la pressione sanguigna e, di conseguenza, l’uso deve essere limitato per chi ha problemi di pressione bassa oppure assume farmaci contro l’ipertensione. Il problema è che potrebbe interferire con l’azione dei medicinali rendendo vana l’assunzione.

Un’altra proprietà dell’aceto di vino è la capacità di alterare i livelli di zucchero nel sangue e dell’insulina qualora se ne consumino grandi quantità. E’ chiaro, dunque, come sia pericoloso il consumo eccessivo per le persone con il diabete soprattutto se si assumono farmaci per controllare i valori nel sangue.

Infine, non solo diabetici e ipertesi devono controllare attentamente il consumo di aceto di vino. Il prodotto è controindicato anche per chi soffre di gastrite e di reflusso gratroesofageo. L’acidità, infatti, potrebbe peggiorare i sintomi di bruciore alla gola e i dolori allo stomaco.