Gratta e vinci, giocare o non giocare, sfida il fato: un regalo di Natale straordinario

Il quesito principe per ogni giocatore. Incallito o meno il senso è sempre quello, provarci o meno, questo è il dubbio.

vincita soldi
soldi vincita

Il dilemma che avvolge una moglie ed un marito, attanaglia ogni riflessione ogni presa di posizione, è vivo e si fa largo all’interno di quella coppia, ne mette quasi a rischio le fondamenta, perchè la questione che si pone rischia di essere davvero seria. La fortuna esiste? Oppure no? Bella domanda, se lo sapessero bene i giocatori più incalliti forse si darebbero una regolata, forse. La verità è che a questa domanda non c’è risposta, ma possono esserci certo degli eventi che in qualche modo possono orientare la posizione.

La signora Glenda Blackwell, 57enne residente in North Carolina, Stati Uniti d’America è ferma rispetto alla sua posizione. La fortuna non esiste va ripetendo la donna quasi quotidianamente a suo marito, convinto invece del contrario. Secondo la donna, tutti i giochi a premi, lotterie e quant’altro sarebbero soltanto delle truffe organizzate ed autorizzate a danno dei poveri ingenui giocatori. Non vuole sentire ragione e pure di affermare la sua idea, di legittimarla sopra ogni cosa, accetta una sfida che si direbbe paradossale. La donna infatti acquista un biglietto Gratta e vinci.

Gratta e vinci, giocare o non giocare: la sfida al marito incredulo vale 1 milione

Quello che è successo dopo è stato davvero incredibile. Le basi del pensiero che la signora Glenda provava in ogni modo a far valere rispetto alla posizione espressa da suo marito sono di fatto crollate in pochissimi secondi. Il Gratta e vinci acquistato per dimostrare che la fortuna in realtà non esiste, che si può giocare quanto si vuole senza vincere mai, era in realtà vincente. La cifra, da sogno, 1 milione di dollari. Una bella soddisfazione no? Certo per il marito della titubante Guenda. “Mi devo rimangiare quello che ho detto”, ha dichiarato quasi imbarazzata la donna all’indomani dell’incredibile vincita.

LEGGI ANCHE >>> Superenalotto, il Lazio festeggia una vincita indimenticabile: cifra da favola

Le idee su come spendere l’incredibile somma guadagnata proprio al gioco, con un Gratta e vinci, assistita proprio da quella fortuna che tanto rinnegava non mancano alla signora Guenda, che a caldo, ha cosi inoltre dichiarato: “Non potevo crederci – ha spiegato ancora la signora Glenda – ho dovuto chiedere scusa a mio marito. Con i soldi che ho vinto comprerò una casa per noi e pagherò la retta universitaria alle mie due nipoti”. Il colpo di fortuna che assiste chi dubita che la stessa fortuna possa di fatto esistere, assurdo no.

Di colpi di fortuna ne sa qualcosa anche il signor signor Mohammad Basheer. Di recente, pochi mesi fa, l’uomo ha conquistato la stessa identica somma, della signora Guenda, 1 milione di euro, sempre attraverso una delle tante lotterie ormai disponibili. L’uomo soltanto pochi mesi prima era scampato ad un incidente aereo a Dubai, come chiamare questo concatenarsi di eventi se non fortuna? In entrambi i casi parliamo di storia che difficilmente possono farci giungere ad una conclusione poco incline al concetto di fortuna esistente più che mai.

La posizione della fortunata donna che contro ogni aspettativa, sua persona, acquista un biglietto Gratta e vince, non crede di poter avere la meglio, investe pochi dollari e ne porta a casa alla fine 1 milione, beh, inizia a sgretolarsi. Non può esserci cosi tanta certezza nel fatto che la buona sorte non ci sia e portare a casa un simile risultato al primo tentativo, qualcosa non va, non può che essere fortuna insomma. Il paradosso, insomma, è bello e fatto. La fortuna esiste quindi? o forse no? O forse è tutto un caso. Chiediamolo ai due più che fortunati coniugi, magari oggi, soprattutto la signora Guenda, avrà le idee molto più chiare.