Con l’arrivo del Natale molti italiani hanno voglia di viaggi all’estero verso mete esotiche e lontane dal freddo pungente. Grazie al Green Pass è possibile accedere a tanti paradisi terrestri

Viaggi all'estero
Fonte Adobe Stock

Le festività natalizie sono un assist perfetto per coloro che amano viaggiare verso luoghi lontani, dove le temperature sono decisamente più piacevoli. Naturalmente in una fase in cui il covid sta tornando ad imperversare a livello mondiale bisogna ponderare bene la propria destinazione, onde evitare spiacevoli soprese.

Un monito importante è quello di tener conto delle liste stilate dal Ministero degli Esteri per poter viaggiare. Inoltre l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha sconsigliato viaggi per coloro che sono considerati soggetti fragili e per gli over 60.

Viaggi all’estero: dove si può andare a Natale grazie al Green Pass

Gli elenchi dalla A alla C sono quelli in cui sono presenti gli stati in cui si può viaggiare senza motivazioni particolari. Tra questi ci sono i paesi limitrofi e quelli europei, ma anche alcuni posti esotici come l’Australia (ma bisogna rispettare determinate regole di viaggio), Emirati Arabi Uniti (con diversi tamponi da effettuare) e Giordania.

Le nazioni nell’elenco D invece sono quelle che prevedono delle restrizioni all’ingresso. Nonostante ciò alcuni stati presenti, di cui Giappone, Israele e il Marocco hanno sospeso i viaggi per motivi turistici. Per questo prima di lasciarsi andare alle prenotazioni sarebbe opportuno consultare il sito Viaggiare sicuri. È un vero e proprio punto di riferimento curato dall’unità anticrisi della Farnesina. 

L’elenco E è invece quello bandito. Le località presenti sono accessibili solo per motivi di salute, di lavoro o per il rientro presso il proprio domicilio.

LEGGI ANCHE >>> Disneyland, quanto costa il viaggio dei sogni: i prezzi da Parigi a Orlando fino a Los Angeles

Caso a parte per i corridoi turistici che seppur presenti nella lista sopracitata godono di uno status particolare. Ne fanno parte le Maldive, le Seychelles, l’Egitto, le Mauritius, la Repubblica Dominicana e Aruba. 

In queste mete sono stati istituiti degli itinerari turistici particolari che dovrebbero ridurre imprevisti da Covid. Contattare le ambasciate rimane più che un semplice consiglio. Infatti, si possono perdere cifre importante spese in sede di prenotazione dei voli e delle strutture ricettive.