Benzina e diesel mai più in Italia: ecco da quando si parte

A breve diremo addio a benzina, diesel e metano in Italia: ecco come saranno le nuove auto in produzione dal 2035.

Foto © AdobeStock

A prendere la decisione definitiva è stato il Cite (Comitato Interministeriale per la Transizione Ecologica): l’Italia non produrrà più motori termici entro il 2035 e quindi gradualmente, saluterà benzina, diesel e metano. Ad oggi il limite sembra lontanissimo, ma è il tempo necessario per portare al termine un cambiamento così grande. Per ora quindi, le guide su come risparmiare soldi con la benzina, serviranno ancora, anche se la scelta ecologica è già possibile.

Ad ogni modo, basteranno quattordici anni e non sarà più prodotto nemmeno un veicolo con motore a combustione interna, nel nostro Paese. Come detto, già oggi esistono le alternative, ma dal 2035, questi saranno sostituiti dai loro parenti con motori elettrici o ad idrogeno.

Senza benzina, come saranno i nuovi motori

La decisione, prima o poi sarebbe arrivata. Vi hanno preso parte, il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, quello delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile, Enrico Giovannini, il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti. Così la nazione si avvia ad un miglioramento che in futuro toccherà molti Paesi, per questo nella nota a merito, si fa cenno all’importanza dei motori a idrogeno, che affiancherebbero quelli quindi, elettrici.

Le auto elettriche effettivamente sono una scelta già da poter compiere, in Italia. Soprattutto nelle città che dispongono delle famose colonnine, lo smog è evidentemente diminuito, e questo è il risultato che si voleva raggiungere. Ma anche il consumatore ne sarà contento, per due principali motivi: i minori costi di manutenzione del mezzo e il risparmio rispetto al costo della benzina. Guardate per esempio, i costi di ricarica di un’auto elettrica.

LEGGI ANCHE>>> Termosifoni accesi tutta la notte: come ci si rimette denaro e salute

Rispetto a quelle elettriche poi, sono meno conosciute quelle ad idrogeno. Il loro motore contiene gas idrogeno, funzionante grazie all’alimentazione di una cella a combustibile con gas idrogeno ad alta pressione, che si fonde infine con l’ossigeno. La reazione produce elettricità e da lì, l’energia per il motore. La bellezza di queste auto rispetto alle elettriche, sta sicuramente nel tempo di ricarica. Per ricaricarne una elettrica ci vogliono delle ore. Per queste ad idrogeno, bastano una decina di minuti.