Lasciare troppi soldi sul conto corrente può portare degli svantaggi economici da conoscere. E’ quanto spiega Proiezioni di Borsa prima di fornire una soluzione.

soldi conto corrente investire
Pixabay

Accumulare risparmi è un obiettivo, un sogno o forse un’utopia per tante famiglie italiane. Riuscire ad avere sul conto corrente una cifra tale da non doversi preoccupare in caso di spese improvvise è un’impresa che se raggiunta può sfuggire di mano. Quando l’importo sul conto è troppo alto, infatti, si corre il rischio di perdere parte dei propri soldi per corrispondere tre costi previsti dalle Banche. Proiezioni di Borsa spiega nei dettagli le spese da sostenere se si intendono tenere 50 mila euro o più sul conto corrente e offre, poi, una soluzione poco conosciuta per evitare di pagare.

Soldi sul conto corrente, cosa accade sopra i 50 mila euro

Le persone che hanno molti soldi depositati sul conto corrente devono conoscere i costi da affrontare. In primis ci sono le commissioni bancarie che l’istituto di credito applica per poter gestire efficacemente il conto corrente stesso. Poi occorre considerare l’imposta di bollo pari a 34,2 euro e infine c’è quella che Proiezioni di Borsa definisce come “tassa occulta”, l’inflazione.

I tre costi se sommati rappresentano una perdita dei risparmi per il titolare del conto. Fortunatamente, un modo per evitare di corrisponderli c’è anche se spesso le banche non lo propongono – com’è facile da intuire. Nello specifico, è consigliabile diminuire l’importo presente sul conto investendo parte dei risparmi.

Leggi anche >>> Tredicesima in arrivo: il segreto per investirla e guadagnare tantissimo

Investire i risparmi, la soluzione per diminuire i costi

Il conto corrente dovrebbe diventare un deposito per i soldi che servono per affrontare le spese mensili e qualche uscita aggiuntiva. In questo modo si potranno limitare i costi pretesi dall’istituto bancario. Cosa fare, però, della parte rimanente dei risparmi? La risposta prende in considerazione gli strumenti di investimento poco rischiosi che consentono di ottenere guadagni seppure di modesta rilevanza.

In media gli italiani hanno sul conto corrente circa 17 mila euro. La maggior parte delle persone, poi, ha giacenza media compresa tra 15 mila e 50 mila euro all’anno. Sapendo che sotto i 5 mila euro è possibile non pagare l’imposta di bollo, è consigliabile investire la somma in eccesso sfruttando una delle tante possibilità proposte dal mercato finanziario. I conti deposito, per esempio, sono una soluzione sicura dedicata a chi non è amante del rischio. Infine, in caso di cifre molto alte è consigliabile diversificare il portafoglio in modo tale da diminuire ulteriormente i rischi di perdita del capitale.