I beneficiari del Super Cashback sono ancora in attesa del premio da 1500 euro. Cosa è successo? Quando arriveranno i soldi? 

Super Cashback
Fonte Adobe Stock

Doveva concludersi proprio in questi giorni la lunga querelle inerente il Super Cashback, ovvero il premio da 1.500 euro per i primi 100.000 nella graduatoria del servizio andato in scena nel primo semestre del 2021.

In pratica, è il premio per chi ha compiuto più transazioni (almeno 787) con carte o bancomat presso negozi fisici nel lasso di tempo sopraindicato. Sono state numerose le polemiche a riguardo, ad iniziare dai cosiddetti furbetti fino ad arrivare alle verifiche che di fatto hanno ritardato i pagamenti.

Super Cashback, problemi con i pagamenti: ecco entro quando dovrebbero arrivare

Le erogazioni erano previste entro il 30 novembre 2021, ma ad oggi praticamente nessuno ha ricevuto la somma che gli spettava. Una vera e propria beffa visto che nella giornata del 29 novembre scadono le promozioni per il Black Friday e il Cyber Monday. Possibilità di cui si poteva approfittare per fare dei regali di Natale a prezzi stracciati.

A prescindere da ciò, i fortunati vincitori sono desiderosi di sapere come si concluderà la vicenda. In teoria essendo il 30 l’ultimo giorno utile, bisogna pazientare fino ai primi giorni di dicembre prima di poter capire se il denaro è stato tramesso o meno sul conto corrente.

Nel caso venga fatto proprio allo scadere, è naturale che prima del 5-10 dicembre non sarà possibile vedere la somma di denaro sul proprio c/c. Ad ogni modo la Consap ha suggerito alle persone interessate di andare a rivedere i dati forniti sull’app IO, su tutti l’IBAN. Un errore in tal senso potrebbe rivelarsi deleterio.

LEGGI ANCHE >>> La classifica del Super Cashback: pioggia di euro in arrivo per 100 mila italiani

Una volta espletate le pratiche, il Cashback andrà definitivamente in archivio. Il Governo Draghi lo ha cancellato in via definitiva, anche se sul sito ufficiale ancora è riportata la possibilità di poterne usufruire per il semestre gennaio-giugno 2022.

A meno di clamorosi colpi di scena, non sarà così con buona pace del Movimento 5 Stelle, che ha dichiarato di voler mantenere in qualche modo l’iniziativa, senza però illustrare le eventuali modalità.