L’attesa è quasi finita, il Super Cashback da 1500 euro sta per arrivare. Ecco quando i primi 100mila cittadini italiani in graduatoria riceveranno i lauti rimborsi

Super Cashback
Fonte Facebook – Il Sole 24 Ore

Il Cashback è ormai solo un lontano ricordo. La possibilità di ottenere un rimborso del 10% sugli acquisti effettuati presso negozi fisici con carta o bancomat (con almeno 50 transazioni effettuate) è stata definitivamente archiviata dal Governo Draghi. 

I rimborsi sono già stati disposti, ma per archiviare del tutto la questione è necessario liquidare anche coloro che sono rientrati nella classifica del Super Cashback. A loro spetta un rimborso di 1.500 euro. Il beneficio riguarda i primi 100mila della classifica per quanto concerne il numero di acquisti effettuati.

Super Cashback da 1.500 euro: quando arriveranno i rimborsi per i fortunati vincitori

Non importa il valore della transazione, anche se sono state fatte delle accurate revisioni per scovare eventuali “furbetti” che nei primi sei mesi dell’anno hanno fatto non pochi danni.

Con il cambio di Esecutivo non ci saranno altre possibilità in tal senso. Il provvedimento era stato fortemente voluto dal Governo Conte ed è stato introdotto con la Legge di Bilancio 2020 emanata il 27 dicembre 2019 numero 160, tra le tante misure del Piano Italia Cashless. 

Inizialmente il programma del Super Bonus Cashback prevedeva 4 periodi di attuazione. Un periodo di prova sperimentale (dicembre 2020) e tre semestri a partire da gennaio 2021 fino al 30 giugno 2022. 

Alla fine è andato in porto solo per i primi sei mesi. Le vicissitudini del Bel Paese dovute alla pandemia e gli avvicendamenti politici hanno stroncato quasi sul nascere un’iniziativa che agli italiani non era affatto dispiaciuta.

Una delle motivazioni che hanno portato al provvedimento è stata anche la malafede di molte persone, che con escamotage dannosi per gli esercenti hanno tentato la scalata nella graduatoria per ottenere il premio.

LEGGI ANCHE >>> Super Cashback, ottime notizie: prepariamoci a fare spazio nel portafoglio

Adesso però ciò che conta di più è rimborsare i primi 100mila della graduatoria per chiudere definitivamente questa storia. Gli organi competenti si sono presi più tempo del dovuto per fare tutte le verifiche del caso. Seppur non ci sia ancora una data ufficiale, entro la fine di novembre dovrebbero arrivare finalmente i pagamenti.