Lavoratrici part-time e contributi: ottime notizie per le assunzioni al femminile

Contributi gratuiti per le lavoratrici donne assunte con contratto part-time o full-time. L’obiettivo è incrementare l’occupazione femminile fornendo ai datori di lavoro valide motivazioni.

lavoratrici part-time
Adobe Stock

Il settore dell’occupazione femminile è sempre stato penalizzato rispetto a quello maschile. Nonostante i passi in avanti degli ultimi anni, il cambiamento reale fatica ad arrivare e lo Stato italiano è ben consapevole di questa difficoltà. Se, in generale, la questione contributi è spinosa per tutti i lavoratori e per i datori di lavoro, lo è ancora di più quando protagoniste della situazione sono le donne. Per incrementare le assunzioni al femminile, il Governo propone delle agevolazioni di vario genere. Lo fa da qualche anno e lo ha confermato anche per il biennio 2021/2022. Vediamo in cosa consistono gli incentivi in questione e chi sono gli interessati.

Assunzione lavoratrici part-time, ecco le agevolazioni

La Legge di Bilancio con riferimento al biennio 2021/2022 conferma le agevolazioni volte ad incrementare le assunzioni al femminile. Il mezzo utilizzato per spronare i datori di lavoro ad assumere lavoratrici part-time o full time è l’esonero contributivo. Significa che gli imprenditori potranno evitare di farsi carico dei contributi delle donne assunte a condizione che il reddito annuo non superi i 6 mila euro. Il periodo temporale legato alla validità dell’esenzione varia in base al contratto stipulato tra le parti.

Se l’assunzione è a tempo determinato, l’agevolazione avrà durata di 12 mesi. In caso di contratto a tempo indeterminato, invece, il lasso temporale sale a 18 mesi. In più, l’imprenditore potrà usufruire di sgravi assicurativi qualora assuma lavoratrici part-time o full time di età superiore ai 50 anni a condizione che non abbiano un lavoro da più di un anno. Per le donne di altra età sono previste, come detto, le agevolazioni sui contributi a condizione che la regione di residenza ammetta tali misure.

Leggi anche >>> Pensione alle donne con pochi anni di contributi: importo minimo e condizioni

Contributi gratis per 22 mesi, a chi spettano

Restando nell’ambito della gratuità dei contributi, è bene sapere che alcuni lavoratori e disoccupati possono fare domanda per ricevere 22 mesi (96 settimane nello specifico) di contributi gratis. Destinatari di questa possibilità sono lavoratori – anche lavoratrici part-time o full time – disoccupati, operai e apprendisti che possono fornire all’INPS una precisa documentazione. Parliamo di un certificato medico per il quale viene riconosciuta un’indennità di malattia. Condizione necessaria è l’assenza per malattia di minimo sette giorni. L’accumulo dei contributi gratuiti nell’arco dell’intera carriera lavorativa può arrivare ad un massimo di 96 settimane.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base