Eredità Maradona sempre più complicata. Per soddisfare i figli riconosciuti sarà indetta un’asta in cui verranno messi in vendita i suoi possedimenti più preziosi

Eredità Maradona
Fonte Getty Images

Le indagini riguardanti la morte di Maradona proseguono. La voglia di far luce sulla dipartita del Pibe de Oro, il più grande interprete di tutti i tempi è tanta, ma nel frattempo ci sono anche altre questioni legate a lui a tenere banco.

In primis c’è quella riguardante l’eredità dei beni appartenenti all’ex fuoriclasse del Napoli. A breve però questa situazione dovrebbe finalmente concludersi con un’asta in cui sarà possibile acquistare oggetti e altri possedimenti del Diez. 

Eredità Maradona: cosa sarà possibile acquistare all’asta

Sarà indetta il prossimo 19 dicembre così come disposto dal giudice Susana Tedesco, che ha dato il via libera alla richiesta degli eredi. Infatti il ricavato sarà ripartito tra i cinque figli riconosciuti dal campione argentino, ovvero Dalma, Giannina, Diego Junior, Jana e Diego Fernando. 

Prima però dovranno essere saldati i debiti pregressi in modo tale che non ci siano più pendenze in sospeso. L’asta sarà organizzata da Adrian Mercado agenzia della capitale argentina. L’evento con tutta probabilità avverrà in streaming, in modo tale che chiunque da ogni parte del mondo possa fare la propria offerta.

Ma quali beni di Maradona finiranno all’asta? Per non alimentare inutili entusiasmi è doveroso rammentare che le maglie donate da altri calciatori al suo funerali essendo catalogabili come beni di valore affettivo, non saranno messe in vendita.

LEGGI ANCHE >>> La famosa Porsche 911 di Maradona venduta all’asta per 483.000 euro

Della lista fanno invece parte diversi pacchetti azionari, un appartamento a Mar del Plata che aveva donato al padre per i suoi 80 anni e vari altri oggetti di valore. Di questi fanno parte anche le sue auto, nella fattispecie una delle due Bmw con la firma di Diego incisa sul parabrezza con prezzo di partenza di 165.000 dollari. 

Tra gli altri cimeli appetibili ci sono la lettera di Fidel Castro, maglie, scarpette, chitarre, cravatte e cappellini che erano custoditi tra Buenos Aires e Dubai. Chiunque fosse interessato, stavolta può davvero mettere le mani su qualcosa appartenuto al più grande interprete della storia del calcio.