Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo precauzionale di due lotti di polenta rapida di un noto marchio. Ecco il motivo della drastica decisione 

Polenta
Fonte Pixabay

I richiami alimentari sono ormai diventati sempre più costanti. Sono praticamente all’ordine del giorno, ragion per cui bisogna sempre stare attenti alle notizie che circolano in tal senso.

Negli ultimi giorni ha fatto scalpore la decisione del richiamo precauzionale disposto per la Polenta rapida marchio Coop. La comunicazione è arrivata direttamente dal ministero della Salute, sul cui portale sono presenti tutti gli annunci inerenti a prodotti ritirati dal mercato per via di qualche rischio.

Polenta rapida marchio Coop ritirata: cosa ha portato a questo provvedimento

In questo caso la decisione si è resa indispensabile per via della possibile presenza di corpi estranei all’interno della confezione. La polenta in questione è venduta in sacchetti da 375 grammi con numeri di lotto L21 288 e L1 289 e date di scadenza 15/10/2023 e 16/10/2023. 

L’alimento è stato prodotti per Coop Italia Sc da Molino Rossetto Spa nello stabilimento sito in via San Fausto 98 a Pontelongo, in provincia di Padova. Ad ogni modo si raccomanda di non consumare la polenta rapida con i numeri di lotto soprariportati e di restituire le confezioni al punto vendita Coop in cui è stata acquistata.

LEGGI ANCHE >>> Mini cotolette vegetali, uova fresche e carpaccio di pesce spada, altro richiamo alimentare: il motivo

Una prassi inevitabile quando ci si imbatte in questo genere di problematiche. D’altronde prevenire è sempre meglio che curare. Ad ogni modo in queste circostanze è importante la comunicazione, in modo tale da portare le persone a conoscenza di questi spiacevoli eventi. 

Il passaparola per quanto può sembrare un metodo obsoleto, rimane comunque il mezzo più efficace, capace di coinvolgere persone di qualsiasi età. In questa sede per essere d’aiuto possiamo rammentare il ritiro disposto proprio in quest’ultimo periodo per dei wurstel di alcuni noti marchi. 

Trattandosi di più produttori bisogna prestare ancor più attenzione per evitare di metterli nel proprio carrello di conseguenza sulle proprie tavole. Per i più avvezzi alla tecnologia, è consigliabile un consulto periodico del sito del Ministero della Salute, in modo tale da poter essere sempre informati.