Attenzione! Negli ultimi giorni stanno circolando dei finti messaggi in merito a dei “pagamenti fiscali in sospeso” che rischiano di far cadere molti nella trappola.

agenzia delle entrate truffa
Foto © AdobeStock

A causa del Covid abbiamo cambiato molte nostre abitudini, tanto da finire per registrare un aumento sempre più massiccio dell’utilizzo dei vari strumenti tecnologici, quali smartphone, tablet e Pc. Grazie a quest’ultimi, d’altronde, abbiamo la possibilità di comunicare in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo con amici e parenti anche se geograficamente distanti.

Allo stesso tempo, purtroppo, i vari servizi a nostra disposizione, come ad esempio le e-mail, finiscono spesso per rivelarsi terreno fertile per alcuni cyber criminali. Quest’ultimi, infatti, cercano di estorcere soldi e dati sensibili al malcapitato di turno attraverso delle truffe studiate fin nei minimi particolari. Lo sa bene l’Agenzia delle Entrate che ha messo in guardia i cittadini in merito a dei finti messaggi riguardanti dei “pagamenti fiscali in sospeso”. Ecco cosa c’è da sapere in merito.

“Pagamenti fiscali in sospeso”, occhio al messaggio: ennesimo tentativo di truffa

agenzia delle entrate pagamenti sospesi truffa
Fonte: Agenzia delle Entrate

Ogni giorno, purtroppo, sono tanti i tentativi di truffa a cui bisogna prestare la massima attenzione. I truffatori, infatti, non si fermano mai e cercano puntualmente di estorcere denaro al malcapitato di turno attraverso dei raggiri studiati fin nei minimi particolari. Lo sanno bene, purtroppo, molti cittadini alle prese con dei finti messaggi riguardanti dei “pagamenti fiscali in sospeso“.

Come riportato da un avviso dell’Agenzia delle Entrate dello scorso 18 ottobre, negli ultimi giorni stanno circolando delle finte e-mail, con oggetto “pagamenti fiscali in sospeso“, che sembrano essere inviate dall’Agenzia delle Entrate. Nella realtà dei fatti, però, non è così.

Il testo del messaggio, ricordiamo, recita così: “Questo per informati della discrepanza nel tuo record fiscale, ti preghiamo di visitare la tua banca o qualsiasi ufficio fiscale vicino a te con il tuo record fiscale allegatoIn allegato è il tuo record fiscale, pagamenti in sospeso e numero di riferimento della pratica fiscale“.

LEGGI ANCHE >>> Bancomat, “errore sulle banconote”: attenti alla truffa del falso funzionario

Allegato al messaggio, infatti, vi sono dei file. Proprio aprendo quest’ultimi scatta la trappola, con i truffatori che trovano così la chiave d’accesso per riuscire a danneggiare il pc del destinatario dell’e-mail, oppure sottrarre dati personali. Un tentativo di raggiro che rischia, purtroppo, di far cadere molti nella trappola e per cui è bene prestare attenzione, ricordandosi di non aprire mai file e link inoltrati da contatti sospetti.