Ci siete mai cascati? Sono le 5 truffe online più diffuse del momento

Attenti alle 5 truffe online più diffuse del momento che rischiano sempre più spesso di far cadere nella trappola molti utenti. Ecco di quali si tratta.

truffa

Il 2020 si rivela essere, indubbiamente, uno di quegli anni che difficilmente riusciremo a dimenticare. Segnato dall’impatto del Covid, quest’ultimo ci ha portato a cambiare molte nostre abitudini, tra cui il modo di relazionarsi con gli altri. Al fine di mantenere il distanziamento sociale, ad esempio, si registra un utilizzo sempre più massiccio dei vari dispositivi tecnologici, attraverso cui poter inviare messaggi, ma anche fare video chiamate e condividere documenti di vario genere.

Allo stesso tempo il crescente interesse verso questo modo di comunicare, si rivela essere, purtroppo, terreno fertile per alcuni malintenzionati, che cercano in questo modo di estorcere denaro al malcapitato di turno. Ne sono una chiara dimostrazione alcuni tentativi di raggiro, come quello del finto buono Ikea da 250 euro. Ma quali sono le cinque trappole online più diffuse del momento? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Truffe online, occhio alle 5 trappole del momento: ecco di quali si tratta

In base a quanto evidenziato dall’Ansa, da marzo 2020 a luglio 2021, si è registrato un notevole aumento delle attività di phishing. Solo in Europa, in questo lasso di tempo, sono stati individuati 300 nuovi siti di phishing dalla Polizia Postale. Di questi ben 27 erano italiani. Entrando nei dettagli si consiglia di prestare ad alcuni tentativi di truffa che, più di altri, rischiano di far cadere nella trappola un grande numero di utenti.

Tra queste si annoverano le seguenti 5 truffe online del momento:

  • Finto anniversario. Nascondendosi dietro i nomi di grandi supermercati o negozi, i malintenzionati inviano, tramite Whatsapp, una serie di buoni spesa fasulli. Messaggi fake a cui non si deve assolutamente rispondere, in quanto, in caso contrario, i truffatori riescono ad entrare in possesso di nostri dati sensibili.
  • Falso avviso di banche e uffici postali. Proprio come il tentativo di truffa precedentemente illustrato, in questo caso i truffatori inviano una mail o sms fasullo, attraverso cui chiedono al malcapitato di turno di comunicare i dati personali o le credenziali per accedere ai servizi bancari, dopo una modifica o aggiornamento del sistema.
  • Lotteria immaginaria. In genere i truffatori inviano un messaggio attraverso il quale comunicano all’utente di aver vinto un premio in denaro grazie alle lotterie di supermercati o negozi. Anche in questo caso viene chiesto di comunicare i propri dati personali come verifica. Nel momento stesso in cui si forniscono tali dati, ecco che i malfattori sono in grado di derubare l’identità del malcapitato di turno.
  • Numero “amico”. Una volta in possesso dei dati sensibili di un soggetto, i truffatori riescono a dare vita a un nuovo tentativo di raggiro, ovvero quella del numero “amico”. In pratica il malfattore si spaccia per la vittima e inizia a chiedere aiuti economici ai suoi contatti che, a loro volta, rischiano di cadere nella trappola.
  • Amore online. Tra i tentativi di truffa online del momento, poi, si annoverano quelle che si sono di recente diffuse con l’aumento dei siti d’incontri e relazioni digitali. In pratica il malintenzionato di turno estorce denaro, promettendo dall’altro canto di non divulgare foto compromettenti o video della vittima.

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp, attenti ai messaggi degli amici: la trappola è dietro l’angolo

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Come è facile evincere, ogni giorno, purtroppo, sono tanti i tentativi di truffa a cui bisogna prestare attenzione. Onde evitare di dover fare i conti con spiacevoli inconvenienti, quindi, si consiglia sempre di prestare la massima attenzione e soprattutto non cliccare mai sui link ricevuti con mail o sms sospetti.