Anche per quanto riguarda la pensione di novembre verranno effettuati i pagamenti anticipati. Ecco quali sono le date da segnare.

pensione novembre
Foto © AdobeStock

Alimentazione, bollette, vestiti e chi più ne ha più ne metta. Sono davvero tante le spese da dover puntualmente sostenere. Proprio per questo motivo si rivela necessario attingere a quella fonte di reddito che ci permette di pagare i vari beni e servizi di nostro interesse. Reddito che in genere proviene dal lavoro oppure dalla pensione, una volta maturati i requisiti anagrafici e contributivi richiesti.

A proposito della pensione, bisogna sapere che anche per novembre i pagamenti verranno effettuati in anticipo. Come ormai noto, questo avviene sin dall’inizio dell’emergenza Covid in modo tale da garantire una corretta gestione dell’afflusso agli sportelli postali. Ma quando verranno effettuati tali pagamenti? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo quali sono le date da segnare.

Pensione, occhio ai pagamenti di novembre 2021: il calendario

Mentre in molti sono in attesa di capire quali novità verranno introdotte dal governo a guida Draghi con la prossima riforma delle pensioni, tanti pensionati sono in attesa del pagamento del cedolino di novembre. Quest’ultimo, ricordiamo, può essere consultato attraverso l’apposito servizio online, in modo tale da poter verificare con anticipo gli importi e i motivi per cui potrebbero subire dei cambiamenti.

Anche per il cedolino di novembre, così come già avvenuto per le precedenti mensilità, al fine di garantire una corretta gestione dell’afflusso agli sportelli postali, i pagamenti verranno effettuati in anticipo, rispetto alle scadenze tradizionali. A tal fine il calendario da seguire, in base alle iniziali del cognome del titolare del trattamento pensionistico, sarà il seguente:

  • A-B, lunedì 25 ottobre;
  • C-D, martedì 26 ottobre;
  • E-K, mercoledì 27 ottobre;
  • L-O, giovedì 28 ottobre;
  • P-R, venerdì 29 ottobre;
  • S-Z sabato 30 ottobre.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, occhio alle date dei pagamenti di ottobre: importanti cambiamenti in vista

A proposito delle pensioni, inoltre, ricordiamo che per chi ha 75 anni o più, è ancora attivo il servizio di ritiro della pensione alle Poste per delega ai Carabinieri. Quest’ultimi, infatti, provvederanno a consegnare la pensione direttamente al domicilio del pensionato. Niente fila, inoltre, per chi ha deciso di canalizzare l’assegno INPS su carta PostePay Evolution, su libretto di risparmio oppure su un conto BancoPosta.