Scegliere una birra potrebbe essere una faccenda più complessa di quello che sembra. Ecco perché Altroconsumo stila un’utile top 10.

Birre supermercato
Foto di Simón Delacre da Pixabay

No, non tutte le birre sono uguali. Per alcuni è un vero e proprio culto, per altri una bevanda da affiancare occasionalmente ai propri pasti. Fatto sta che, a meno di non essere dei veri e propri intenditori, l’acquisto di una birra avviene perlopiù al supermercato. Al massimo in un pub, dove si trascorre una serata con gli amici. Ma anche qui si entra in campi da specialisti: birra alla spina o in bottiglia? Tante volte ci si scervella anche su questo, così come sulla specialità. Bionda, rossa, a doppio malto… gli scaffali sono pieni di ogni tipologia di tale bevanda. Tanto da aver spinto Altroconsumo a verificare quale sia effettivamente la migliore da acquistare.

Non si tratta di veri e propri consigli per non sbagliare acquisto, quanto piuttosto di un indicatore su alcune delle caratteristiche principali della birra. L’indagine è stata condotta su 28 prodotti, tutti in vendita al supermercato, paragonando l’etichetta alle analisi di laboratorio sulla qualità. Il tutto, concluso naturalmente con la prova dell’assaggio. Alla fine, quello che è venuto fuori è stata una graduatoria, abbastanza per avere conferme o consigli giusti.

Occhio alla birra: la top 10 di Altroconsumo

Non è sempre questione di prezzi. C’è chi è disposto a spendere anche molto pur di raggiungere un certo grado di soddisfazione, mentre altre persone preferiscono un risparmio, magari anche a discapito di una certa qualità. Un buon compromesso, secondo Altroconsumo, è la Menabrea Original: 77 su 100 secondo il punteggio dell’associazione, con il birrificio biellese che si attesta in cima alla graduatoria. Bassa gradazione, gusto delicato e un prezzo più che abbordabile: 0,84 centesimi per 33 cl. Secondo posto per la Peroni (74/100 e 65 centesimi a bottiglia), mentre sul terzo gradino del podio si attesta il prodotto di Induno Olona, la Poretti 4 luppoli, sempre con 74 punti ma con 71 centesimi di prezzo.

LEGGI ANCHE >>> Birra artigianale, la top 10 delle più costose: per gli intenditori dai palati fini

Tutti nomi importanti. Compresi quelli posti più in fondo alla classifica. Ad esempio, ai piedi del podio si attesta la Dreher Birra Lager originale, con 73 punti su 100, mentre scendendo si incontra un altro pezzo da novanta come l’Ichnusa. Ideale perché dissetante, fatta con granturco e venduta a 83 centesimi a bottiglia. Seguono altri nomi come Munchner Hell, Tradizione Italiana di Pedavana e la Lager di Tennet’s. Anche se, secondo Altroconsumo, la scelta giusta sarebbe Perlenbacher Pilsener di Lidl. Una buona via di mezzo fra prezzo e gusto. Nonostante tutto.