Federfarma ha deciso di lanciare l’iniziativa dei tamponi gratuiti. Vediamo chi potrà usufruire di questa importante agevolazione per ottenere il Green Pass

Tampone gratuito
Fonte Pixabay

L’introduzione del Green Pass obbligatorio per i lavoratori ha creato un bel trambusto, a cui si sta cercando di porre rimedio per consentire il regolare svolgimento delle attività.

Molte aziende importanti hanno deciso di pagare di tasca propria i tamponi per i dipendenti che non hanno intenzione di sottoporsi al vaccino anti-covid. Non in tutti i casi ciò è possibile.

Tamponi gratuiti in farmacia: ecco chi potrà riceverli

Per questo Federfarma (federazione nazionale dei titolari di farmacia italiani) ha deciso di dare sfogo ad un’iniziativa che potrebbe rivelarsi molto utile. In pratica chi richiede un tampone antigienico rapido sarà invitato dalla farmacie associate a sottoporsi al vaccino anticovid (qualora siano abilitate a somministrarli).

Solo accettando l’invito ad immunizzarsi si può ottenere il tampone gratuito. L’obiettivo è quello di incentivare alla vaccinazione, spingendo coloro che finora sono stati restii a farsi inoculare il siero anti-coronavirus.

D’altronde il segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia è stato chiaro in tal senso. Ha ribadito che il vaccino in questa fase è l’unica vera soluzione per potersi lasciare la pandemia alle spalle.

A prescindere da ciò Tobia ha precisato che finora non sono state registrate situazioni critiche in farmacia nonostante le tante richieste di tampone pervenute a partire dal 15 ottobre 2021. Inoltre ha rimarcato come le farmacie si sono già attrezzate per sopperire alla mole di lavoro superiore che le aspetta.

LEGGI ANCHE >>> Green Pass e Tam Pass, l’alternativa tra vaccino e tampone: le ultime novità

Anche per quanto concerne i test non dovrebbero esserci problemi. Ne arriveranno ancor di più in modo tale da non scontentare nessuno. Contestualmente sta aumentando il numero di farmacie che garantiscono l’esecuzione del tampone.

Con tutta probabilità a breve dovrebbe esserci il via libera per le parafarmacie e ad un numero maggiore di laboratori di analisi, che così andranno ad infoltire ancor di più la catena di controllo.

Dunque, il sistema farmaceutico italiano non si è fatto trovare impreparato. Chi ha necessità di ottenere il Green Pass per motivi lavorativi non ha nulla di che preoccuparsi.