Con l’obbligo di esibizione del Green Pass sul posto di lavoro è scattata la caccia ai tamponi. Scopriamo quanto costano e quali consentono di avere la certificazione temporanea 

Tampone
Fonte Pixabay

L’obbligo del Green Pass sui posti di lavoro è ufficialmente entrato in vigore. D’ora in poi per poter accedere in ufficio o in qualsiasi altro luogo lavorativo, sarà necessario esibire il certificato verde. 

Chi ha ricevuto il vaccino non ha nessun genere di problema, visto che è già provvisto della documentazione necessaria. Chi invece ha deciso di non volersi immunizzare, dovrà barcamenarsi per trovare quasi ogni giorno una soluzione per ovviare al problema.

Tamponi utili per ottenere il Green Pass: tipologie e prezzi

L’unica alternativa è quella di effettuare dei tamponi ogni 48 ore, in modo tale da dimostrare la propria negatività al virus. Un’operazione che naturalmente ha un costo, che sostenuto così ripetutamente rischia di avere un forte impatto sul salario mensile.

Molte aziende però si sono dette disponibili a farsi carico degli oneri derivanti dai test. Al contempo rimane il problema del sovraffollamento della farmacie, che rischiano di andar di arrivare ad una fase di collasso.

A prescindere da ciò, è bene capire quali sono i vari tamponi disponibili e soprattutto quale esborso comportano. Tralasciando l’antigienico salivare (quello self service per intenderci) che costa 4 euro e non valido ai fini del riconoscimento del Green Pass, ecco quali prezzi hanno gli altri (tutti ampiamente riconosciuti come affidabili).

LEGGI ANCHE >>> Tamponi scontati, il rimedio per le tasche: ecco a chi rivolgersi

Il migliore in assoluto in termini di affidabilità il tampone naso orofaringeo molecolare (che vale per 72 ore). Il costo si aggira mediamente sui 60 euro, ma è compreso in un range che va da 50 a 100 euro. 

Decisamente più alla portata quello antigienico rapido che dura 48 ore e costa 8 euro per le minori di 18 anni e 15 euro per gli adulti (si tratta di un prezzo calmierato). Stessa spesa e stessa durata per il molecolare salivare. 

Solo questi sono validi per poter ottenere il lasciapassare per il lavoro. Naturalmente bisogna farsi bene i conti in tasca per cercare di ammortizzare il più possibile questa nuova ed imprevista spesa.