Pignoramento auto: tempi, costi e documentazione necessaria per mettere in atto una procedura differente dalla altre forme di pignoramento.

pignoramento auto come funziona
Adobe Stock

Il mondo dei pignoramenti è un ambiente ostile per tanti contribuenti. Il rischio di perdere l’immobile di proprietà, i beni al suo interno o il proprio veicolo fa tremare tante persone che si sono indebitate per i motivi più disparati. La procedura che porta all’esecuzione forzata di un’auto è differente rispetto all’iter per l’esecuzione forzata degli altri beni immobili nonostante appartengano alla stessa categoria. Vediamo, dunque, di approfondire questo procedimento “speciale” soffermandoci sulle tempistiche, i costi e la documentazione richiesta.

La nuova procedura del pignoramento dell’auto

Il codice di procedura nell’articolo 521 bis ha inserito la nuova procedura da seguire per poter pignorare un veicolo – auto, camion, moto, rimorchi e furgoni. Prima dell’introduzione di questo articolo, era possibile procedere all’esecuzione forzata solamente se il bene si trovava nei luoghi del debitore. Le conseguenze erano grandi difficoltà da parte degli ufficiali giudiziari nel procedere con l’esecuzione. Ora le cose sono cambiate e il pignoramento riguarda le auto, e i veicoli in generale, anche se lontane dal luogo di residenza del debitore. Unica condizione per l’esecuzione è la trascrizione del pignoramento dell’auto al Pra, Pubblico Registro.

Come funziona l’iter

La notifica del pignoramento deve essere trascritta nel Pubblico Registro prima di procedere con la presa del veicolo e la vendita dello stesso. Nello specifico, il creditore inizierà verificando con il Pra la proprietà dell’auto del debitore. Poi, verrà redatto l’atto di pignoramento che sarà, poi, notificato al soggetto interessato per ritornare poi al creditore che lo registrerà al Pra.

L’atto comunica al debitore di dover presentare entro 10 giorni il veicolo all’istituto vendite giudiziarie con tutti i documenti relativi, carta di circolazione compresa. In caso di mancata consegna nei tempi stabiliti interverrà la polizia. Dopo la consegna, il creditore verrà informato della custodia e si potrà procedere con l’iscrizione a ruolo della copia conforme del titolo esecutivo. Dopo 45 giorni dall’avvenuto deposito dell’iscrizione, il creditore deve necessariamente inoltrare domanda di assegnazione dell’auto oppure della vendita del veicolo.

Costi del pignoramento

Il pignoramento dell’auto comporta la spesa di 6 euro per la visura al Pra, importi compresi tra 700 e 3 mila euro per l’avvocato, tra gli 8 e i 40 euro per le spese di notifica, 27 euro per i diritti del Pubblico Registro, importi tra 32 e 48 euro per l’imposta di bollo e costi dell’istituto di vendite giudiziarie tra 63,01 e 126,01 euro.

Leggi anche >>> Pensione a rischio, occhio al pignoramento: la verità che non ti aspetti

Documentazione richiesta per pignoramento auto

Il creditore per trascrivere l’atto al Pra dovrà fornire la copia conforme del pignoramento notificato, il certificato di proprietà del veicolo, la copia del documento di identità e il codice fiscale, la delega per il deposito della domanda (se presente) e il codice fiscale dell’intestatario del veicolo. Il modulo relativo alla trascrizione, poi, dovrà contenere il numero di targa del veicolo pignorato, la data di efficacia del pignoramento e i dati anagrafici del debitore.