Richiedere un mini prestito per ottenere un importo non elevato in poco tempo. Come procedere per ottimizzare le possibilità di un riscontro positivo.

mini prestito come funziona
Adobe Stock

Le famiglie italiane che richiedono prestiti sono sempre più numerose. Riuscire a risparmiare per mettere da parte la liquidità da utilizzare in caso di bisogno è un obiettivo difficile da perseguire. Lo era prima della pandemia, lo è ancora di più in seguito al peggioramento della crisi economica dovuto al Covid 19. La necessità, però, non è solamente di grandi importi per affrontare grosse spese. Capita sempre più frequentemente che i clienti delle banche chiedano mini prestiti, piccoli importi per coprire un’uscita non onerosa.

Cos’è il mini prestito e quali vantaggi ne derivano

I mini prestiti sono finanziamenti che richiedono l’erogazione di un importo basso, solitamente entro i 2 mila euro. I vantaggi di questa soluzione sono una tempistica più breve e l’aumento della possibilità di ottenere una riposta positiva da parte degli istituti di credito. Trattandosi di somme non elevate, infatti, la rata mensile sarà sostenibile e facilmente restituibile anche dai soggetti che non hanno a supporto una fonte di reddito sostanziosa.

In generale, questi piccoli finanziamenti consentono di richiede importi compresi tra 500 e 1.500 euro ma ogni banca o finanziaria potrà ampliare come ridurre il range di riferimento. La tempistica risulta più breve, come accennato, perché i requisiti risultano essere meno stringenti, proprio per l’entità della somma prestata. Di conseguenza, la platea dei destinatari di un mini prestito è più ampia rispetto a quella dei finanziamenti tradizionali.

Leggi anche >>> Prestiti cambializzati, a quali banche rivolgersi: la verità che non ti aspetti

Requisiti di accesso ai finanziamenti di basso importo

In generale, i requisiti da soddisfare per ottenere un finanziamento entro i 1.500 euro sono meno rigidi rispetto ad un prestito standard. Ciò non significa che gli istituti di credito non abbiamo bisogno di solide garanzie a supporto dell’erogazione del denaro. Le banche e finanziarie controlleranno in primis l’affidabilità creditizia del richiedente. Verificheranno i parametri di riferimento prima di decidere se accettare la richiesta oppure no. I clienti che dimostreranno di essere pagatori puntuali avranno maggiori possibilità di ottenere una risposta positiva. In più, i tempi saranno brevi e l’importo sarà ottenibile in pochi giorni.

Un aspetto positivo dei mini prestiti, però, è che anche cattivi pagatori e pignorati possono richiederlo. Naturalmente le garanzie richieste dalle banche saranno maggiori, i tempi decisionali saranno più lunghi a causa delle verifiche più stringenti e l’importo sarà più basso del limite superiore ma ciò non esclude la possibilità di poter ottenere la liquidità desiderata.