Per tinteggiare casa o parti del palazzo, abbiamo diritto a qualche tipo di bonus? Possiamo risparmiare se facciamo tutto da soli.

Tinteggiatura (Fonte foto: web)

Vogliamo ridipingere casa ed attendiamo l’uscita di qualche bonus o agevolazione fiscale. E se questi bonus legati alla casa ci fossero già? Scopriamo se c’è possibilità di sconto in fattura per i materiali, pagando con il bonifico bancario.

Se volete conoscere i bonus legati al luogo in cui vivete, potrebbe interessarvi anche il bonus di risparmio idrico, ma focalizziamoci sulla possibilità di tinteggiare casa, senza chiedere aiuti esterni e provando a risparmiare anche sull’acquisto dei materiali.

Casa: i bonus che farebbero comodo

Diversi, sono i bonus che derivano da ciò che facciamo in casa, Draghi ne ha annunciato uno per le bollette, ma ora non è di luce e gas che ci stiamo occupando. Tornando invece alla ristrutturazione degli spazi interni, ecco in che modo possiamo muoverci. Il bonus ristrutturazione edilizia permette di contare su una detrazione fiscale del 50%, riconosciuta a coloro che effettuano lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria in condominio o in edifici singoli.

In pratica si ha diritto ad un rimborso Irpef fino ad un tetto massimale di 96.000 euro. C’è ovviamente poi da capire oltre alla misura in cui è possibile accedervi, anche per quali lavori veri e propri, si può ottenere un rimborso, onde evitare di farne alcuni che poi non ci darà diritto a nessuna agevolazione. Ed allora, entriamo nel merito.

LEGGI ANCHE>>> Bonus, fino a 2000 euro per comprare un’auto nuova: ecco chi potrà averli

Se ritinteggiamo le pareti interne della nostra abitazione, possiamo avere un’agevolazione per la demolizione di un muro o il rifacimento con tinteggiatura e intonaco della parete, o per la nuova costruzione di una parete interna. Se invece interveniamo addirittura all’interno del palazzo, il bonus è possibile per tinteggiatura o rifacimento senza vincoli su materiali e colori. Come accedere? La cosa entra nel merito delle detrazioni Irpef, indicando i dati catastali dell’immobile nella Dichiarazione dei redditi. Le opere con scopo di risparmio energetico dovranno essere segnalate inviando una comunicazione all’ENEA, entro 90 giorni dal termine dei lavori.