L’Esecutivo è pronto a venire in soccorso dei cittadini varano un nuovo bonus bollette per fronteggiare gli aumenti previsti per quanto concerne luce e gas

Bollette risparmio
Foto © AdobeStock

Il nuovo rincaro previsto per le utenze domestiche è ormai noto e risaputo. I cittadini dal canto loro stanno già prendendo le dovute contromisure cercando di capire quali gestori possono aiutare a raggiungere l’obiettivo risparmio.

Anche le forze politiche stanno monitorando la situazione per poter sostentare il popolo già falcidiato dalla profonda crisi dovuta dall’emergenza covid. È al vaglio un nuovo decreto che possa ammortizzare questa spesa da cui non si può scappare.

Bonus bollette per contrastare il rincaro: come funziona

Gli aumenti previsti sono di circa il 40% e potrebbero portare a pagare fino a 100 euro all’anno per il gas e a 400 euro per la luce. A tal proposito sono piuttosto rilevanti le dichiarazioni del Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani che ha sottolineato come il Governo sia impegnato nella mitigazione dei costi delle bollette per consentire un passaggio indolore verso forme di energie più sostenibili.

Queste sono notoriamente più onerose visto che prevedono dei costi maggiori per le materie prime. Appunto per questo sono stati stanziati 4-5 miliardi di euro, che però non bastano ad eliminare del tutto i rincari, ma possono far fronte a circa 1/3 del totale.

Inoltre dovrebbe essere potenziato il bonus sociale destinato alle famiglie che hanno maggiori difficoltà ad adempiere ai pagamenti di elettricità e gas. In ogni caso a prescindere da cosa verrà stabilito dal Governo, ogni cittadino può fare la sua parte per abbassare i costi mensili delle bollette.

LEGGI ANCHE >>> Bonus bollette 2021 in arrivo: chi può dare un taglio ai costi delle utenze

Ad esempio monitorando meglio i propri elettrodomestici, in particolar modo il frigorifero si possono ottenere dei risultati sorprendenti. Si tratta di un accorgimento a cui poche persone pensano, ma che può fare la differenza.

Questo per dire che a prescindere da ciò che accade (l’autorità per l’energia riformula i prezzi ogni tre mesi circa), sta alle persone sapersi riguardare per abbattere delle spese. Nel lungo periodo non è sempre semplice poterle sostenere.