Risparmiare un bel po’ di soldi sulle bollette di luce e gas è possibile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo come fare.

bollette luce gas
Foto © AdobeStock

A partire dalla tv, passando per il riscaldamento fino ad arrivare al frigorifero, sono davvero tanti gli apparecchi presenti nelle nostre abitazioni,  che finiscono, inevitabilmente, per incidere sul costo finale delle bollette di luce e gas. Spesso, in effetti, non ce ne accorgiamo, ma ogni qualvolta utilizziamo un apparecchio consumiamo.

Diverse sono le voci che vanno a incidere sulla bolletta, con sempre più famiglie che, anche a causa della crisi causata dal Covid, riscontrano delle difficoltà nel riuscire a far fronte alle varie spese. Da qui la necessità di attuare delle misure ad hoc, grazie alle quali poter risparmiare un bel po’ di soldi sulle bollette. Ma cosa bisogna fare? Entriamo nei dettagli e scopriamolo assieme.

Bollette luce e gas, risparmiare un bel po’ di soldi è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Con l’arrivo dell’autunno è previsto un preoccupante aumento delle bollette, che porterà molte famiglie a dover fare i conti con una vera e propria stangata. Proprio in questo contesto giunge una buona notizia con il cosiddetto decreto bollette. Il Consiglio dei Ministri, infatti, ha dato il via libera a un provvedimento ad hoc da 3 miliardi per il taglio delle bollette di luce e gas. Una misura indubbiamente importante, ma purtroppo non sufficiente.

Come spiegato da Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, a ilGiornale.it: “Non è detto che sia sufficiente a coprire tutto l’aumento e soprattutto perché, dal nostro punto di vista dovrebbe diventare strutturale e, invece, rischia di essere una tantum”. In particolare sono varie, secondo il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, le voci che strutturalmente pesano di più in bolletta e che potrebbero essere eliminate.

Per quanto concerna la bolletta elettrica la proposta è quella di ridurre e spostare gli oneri generali di sistema dalle bollette alla fiscalità generale. Stesso discorso anche per il gas. In quest’ultimo caso “però, ciò che pesa maggiormente sono soprattutto le accise, pari al 15-18% della bolletta e, secondo noi, andrebbero eliminate“. Da non dimenticare poi l’Iva che, mentre per l’energia elettrica “è agevolata al 5% per i consumatori domestici, è agevolata al 10% soltanto per i primi 480 metri cubi di gas. Per il resto, invece, l’Iva è al 22%“.

Come pagare meno in bolletta

In attesa di azioni ad hoc da parte del governo, al fine di ridurre i costi in bolletta, gli stessi consumatori possono attuare delle misure ad hoc, al fine di risparmiare un bel po’ di soldi. Sempre in base a quanto spiegato a ilGiornale.it da Massimiliano Dona, infatti, è importante che i consumatori diventino “consapevoli. Solo chi sa quanto consuma, quanto sta pagando il kilowattora e il metro cubo di gas, può mettere in campo degli interventi per diventare più efficienti e ridurre le spese“.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, la scomoda verità: tutto quello che c’è da sapere

Ma non solo, si consiglia anche di confrontare le offerte più vantaggiose e cambiare i propri comportamenti. Ad esempio si consiglia di usare le lampadine a Led, non utilizzare troppo i condizionatori durante l’estate e di riscaldare con temperature più basse durante la stagione invernale. Allo stesso tempo è opportuno “ridurre a monte i consumi, riqualificando le nostre case sfruttando gli incentivi che lo Stato mette a disposizione per l’acquisto degli elettrodomestici, il rifacimento del cappotto termico e della caldaia“.