Problemi tecnici per Dazn durante il match Sampdoria-Napoli. La pazienza è durata fin troppo, ora scatta la diffida da parte del Codacons della piattaforma in streaming.

Dazn, diffida Codacons
Web

E’ successo ancora. I clienti Dazn hanno avuto perdite del segnale durante la visione della partita di serie A Sampdoria-Napoli. Dall’inizio del campionato il problema si è ripetuto troppe volte e i tifosi sono stanchi della situazione. Il costo dell’abbonamento è elevato e la qualità è elemento essenziale da pretendere per potersi godere le partite dal primo minuto fino al 90esimo. Non solo una parte del match o ad intermittenza ma tutti i 90 minuti senza problematiche. Non è chiedere troppo e le scuse della piattaforma non bastano.

Dazn si scusa ma il Codacons diffida la piattaforma

Siamo nel tardo pomeriggio di un giovedì, inizia la partita Sampdoria-Napoli, i tifosi sono incollati agli schermi per tifare i propri beniamini quando, sul più bello, Dazn perde il segnale e il campo verde diventa un rettangolo oscurato. Eventi del genere caratterizzano ogni giornata di campionato e non sono più ammessi.

La piattaforma ha comunicato le scuse ai clienti, ha parlato di errori, di un malfunzionamento. Mezz’ora di interruzione prima che il segnale ritornasse, trenta minuti durante i quali i tifosi, invece che assistere al match, hanno preso il telefono per segnalare la problematica. La polemica si è scatenata sui social e il Codacons non ha potuto ignorare il disagio provocato dal servizio a pagamento di streaming online.

Leggi anche >>> DAZN, lo streaming calcio 2021 cambia completamente: ecco le novità

La decisione del Codacons

Il Coordinamento delle Associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori ha denunciato l’accaduto e preannuncia ripercussioni. La società di streaming è stata diffidata e deve, ora, risarcire tutti gli utenti che hanno subito il disagio dei disservizi. Qualora l’azione non venga messa in atto, il Codacons si riserva il diritto di promuovere una class action contro la piattaforma al fine di tutelare gli interessi dei tifosi che pagano profumatamente per vedere le partite di Serie A. Inoltre, il Coordinamento avverte Dazn che se i problemi tecnici non verranno risolti al più presto si procederà con la revoca dei diritti Tv per il calcio. L’indennizzo per i clienti è già pronto, comunica la piattaforma. Ora bisogna attendere le partite del weekend per scoprire se il segnale reggerà o se si scatenerà la solita polemica.