La vicenda che ha sconvolto l’Italia intera, un Gratta e vinci ed una storia assolutamente inimmaginabile.

Gratta e vinci camionista
Foto © AdobeStock

Una storia che ha fatto discutere, e che a tratti ha sconvolto l’opinione pubblica. La vicenda di Gaetano Scutellaro, tabaccaio napoletano scappato via con il biglietto Gratta e vinci da 500mila euro di una donna 69enne. La conferma cercata da parte della donna circa l’eventuale vincita e la fuga improvvisa dell’uomo, braccato poi all’aeroporto di Fiumicino. Prima però, l’uomo aveva aperto un conto corrente a Latina dove aveva versato il biglietto vincente.

L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli ha infatti recuperato, successivamente al dissequestro da parte della procura di Napoli il biglietto vincente. Questo, ora può essere finalmente incassato dalla legittima proprietaria, la donna 69enne alla quale era stato sottratto qualche settimana fa. L’epilogo forse più giusto stando alle prime ricostruzioni del caso, che vedono l’uomo colpevole di aver sottratto il biglietto alla donna, che in tabaccheria chiedeva soltanto conferme circa la vincita appena conquistata.

Biglietto dissequestrato: come si è giunti a questa conclusione

Il direttore generarle dell’agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli ha incaricato il dirigente dell’Ufficio Giochi e Lotterie, Stefano Saracchio di recarsi presso la caserma dei Carabinieri di Latina, li dove il biglietto Gratta e vinci era custodito. A questo punto è stata autorizzata presso il concessionario Lotterie Nazionali Srl l’avvio delle operazioni d’incasso del premio che dovrebbe avvenire in data 27 settembre.

LEGGI ANCHE >>> Gratta e vinci, un giocatore misterioso e la vincita strepitosa: dov’è finito?

Il direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Marcello Minenna, soddisfatto per la conclusone positiva della vicenda ha cosi dichiarato: “La collaborazione istituzionale tra L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, i Carabinieri, e l’autorità giudiziaria nonché il concessionario Lotterie Nazionali Srl, ha prodotto un risultato eccellente, e sono particolarmente felice per la signora napoletana, acquirente del biglietto, che in questi giorni è entrata nel cuore di tutti noi”. Il tabaccaio che aveva rubato il biglietto alla 69enne legittima vincitrice del premio da 500mila euro è attualmente detenuto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere. La vicenda, almeno sotto questo punto di vista, cioè quello della donna e del premio che rischiava di vedersi sottratto, può dirsi conclusa.