Dove si trova il più prezioso tesoro al mondo? Semplice, li dove quasi nessuno ha mai pensato di guardare.

Mitra
Mitra San Gennaro (Facebook)

Dove si trova il tesoro più prezioso al mondo? Chissà quanti saprebbero rispondere a questa domanda. Certo non è semplice dare la risposta corretta, anche perché realisticamente è probabile che molti degli stessi abitanti della città in questione nemmeno sanno di avere in casa propria qualcosa di assolutamente unico. La Mitra di San Gennaro, il copricapo che fa parte degli paramenti sacri. Una infinità di gioielli per un oggetto che pesa ben 18 kg.

Alla risposta posta in precedenza molti avrebbero pensato al tesoro degli zar di Russia, o della Regina d’Inghilterra, la risposta è più semplice che mai, come avrete capito, si tratta di Napoli. Per farsi un’idea di cosa rappresenta e cosa di fatto è, oggi, il tesoro di San Gennaro, basta considerare la presenza di un calice in oro zecchino, dono di Papa Pio IX nel 1849. All’epoca dei fatti, l’oggetto aveva un valore di 3000 ducati, il calcolo risulta in effetti difficile ma si potrebbe parlare tranquillamente di svariati milioni dal momento che solo la Mitra vale 7 milioni e il dono di Napoleone 20: la realtà è che questo tesoro non ha prezzo.

E’ l’oggetto più prezioso al mondo, ogni anno milioni di fedeli sperano di poterlo ammirare

Per rendersi conto di quanto possano valere oggi quei 3000 ducati, basta pensare che con 40 a quei tempi ci si acquistava una carrozza equivalente ad una moderna Ferrari, la proporzione rende abbastanza l’idea. Persino Napoleone chinò il capo di fronte al tesoro del santo, proprio lui che in ogni città conquistata amava mettere in atto dei veri e propri saccheggi. A Napoli, anzi, decise di omaggiare con due diversi regali il santo patrono. Una collana di diamanti ed un ostensorio, tra i pezzi più prezioso dell’intera collezione. Argento dorato con rubini incastonati a formare grappoli d’uva.

3964 pietre preziose, 198 smeraldi, 168 rubini, 3.328 diamanti, raggiungendo i 18 kg di peso, davvero niente male per quella che viene definita una vera e propria meraviglia per i sensi. L’oggetto più prezioso al mondo, ed i suoi aspetti tecnici, se cosi si può dire per la Mitra di San Gennaro.

LEGGI ANCHE >>> Se hai dei vecchi gettoni telefonici puoi ottenere guadagni più che interessanti

Commissionato a Matteo Treglia, orafo napoletano nel 1712. L’artista si avvalse della collaborazione di ben 50 colleghi per un lavoro concluso in circa un anno. Gemme preziose, smeraldi, simbolo di conoscenza, rubini che rappresentano il sangue del santo partenopeo, i diamanti, la pietra più dura, attraverso la quale si fa riferimento alla solidità della fede. L’oggetto rappresenta inoltre un vero e proprio capolavoro di ingegneria meccanica. Al suo interno, infatti, possiamo trovare un sistema di ammortizzatori che hanno il compito di assorbire ogni pressione, ogni contatto con chiunque nelle occasioni in cui il santo viene processione.