In una tabaccheria di un piccolo centro della Lombardia è stata centrata una quaterna vincente al Lotto. Quanto ha intascato il vincitore del biglietto fortunato

Lotto

La fortuna arriva sempre quando meno ce lo si aspetta. Il teatro dell’evento è Mortara comune situato nella provincia di Pavia, dove una persona di cui non si conosce l’identità ha vinto una cifra piuttosto considerevole al Lotto, centrando addirittura una quaterna.

Il biglietto “della felicità” è stato giocato presso la tabaccheria Gardella di corso Garibaldi a pochi passi dal Municipio della cittadina. Pare che si trattasse di un cliente abituale e che si tratti di una donna. Scopriamo i dettagli dell’accaduto analizzando la somma vinta e i numeri giocati.

Lotto, quanto ha guadagnato il fortunato vincitore della quaterna vincente

La schedina è costata 16 euro e i numeri giocati sono 7,13,44 e 90 sulle ruote di Napoli e Palermo e Nazionale (grazie a quest’ultima è stata centrata la quaterna). Dalla Lottomatica hanno fatto sapere che si tratta di una delle vincite più altro dell’intero 2021.

In generale Mortara è una delle città del pavese con il tasso più alto di spesa per quanto concerne il gioco. Al livello nazionale si attesta al 135esimo posto. Si giocano circa 52 milioni di euro all’anno a fronte di vincite da 42 milioni. Insomma, fortuna si, ma anche perseveranza, che però è bene ribadire, non è un fattore ponderabile e che incide sul successo. In questo caso, lo testimoniano i 10 milioni di euro di saldo negativo tra giocate effettuate e vincite

Avendo centrato anche ambo e terno il bottino racimolato è di 199.272 euro, ovvero la vincita più importante della storia della tabaccheria in questione e tra le più alte della storia recente di Mortara.

LEGGI ANCHE >>> Superenalotto, vinta una cifra pazzesca: “Non succedeva da anni”

Per quanto riguarda nello specifico il Lotto, a Mortara vengono spesi all’anno 1,88 milioni di euro. Insomma, tentare la fortuna è una delle attività più in auge della ridente località lombarda. D’altronde nei luoghi piccoli la gente vede questo genere di attività come una sorta di svago, anche perché una volta giunti in tabaccheria, si creano dei veri e propri momenti di aggregazione, che ormai stanno sempre più svanendo.