Risparmiare attraverso la bolletta della luce è diventata oggi una sorta di priorità per i cittadini europei.

Bolletta luce aumento
Foto © AdobeStock

La crisi è ormai presente nel nostro paese e nel continente europeo da svariati mesi. L’arrivo del virus covid 19, il periodo di estrema emergenza per evitare il veicolare dello stesso, con chiusure e restrizioni mai attuate prima d’ora hanno fatto in modo che qualcosa venisse a mancare. A risentirne è stato il lavoro, in alcuni casi perduti in altro profondamente ridimensionato. La crisi ha colpito bene o male tutti, ed oggi non è ancora finita.

La Comunità Europea, dopo l’esperienza con gli elettrodomestici, ricordiamo di lavastoviglie, lavatrici, frigoriferi e display, ha deciso di dare una nuova versione anche dell’etichetta energetica per quel che riguarda le lampadine. Il fine è quello di avere un cittadino sempre più educato al rispetto di determinate dinamiche tra le quali ovviamente l’ambiente. Le stesse lampadine non saranno più classificate da A+ ad A+++, cosi come avveniva prima, ma da A a G.

Scelta lampadine: come risparmiare prendendo la decisione più efficiente e pratica

Una serie di informazioni verranno poi fornite insieme chiaramente alla stessa lampadina. Si andrà dal tono della luce, freddo, caldo o neutro fino all’efficienza del colore la durata e tanto altro ancora. Una sorta di carta di identità della lampadina completa e senza alcuna sbavatura. Il cittadino viene educato cosi come anticipato all’acquisto di determinati articoli piuttosto che altri. Ciò che ne verrà fuori sarà una società consapevole e ci si augura dall’impatto ambientale non del tutto segnante.

LEGGI ANCHE >>> Bolletta della luce, da ottobre arrivano gli aumenti: ma si può ancora risparmiare

Il progetto Belt (Boost Energy Label Take up), inoltre provvederà a guidare gli stessi cittadini nella scelta delle stesse lampadine, una scelta a questo punto complessa quanto determinante. Il progetto sponsorizzato, guidato in pratica di Altroconsumo con la collaborazione di diversi partner, si pone il fine di dare una mano al cittadino ma soprattutto di formarlo in questa nuova fase, fargli comprendere cosa è opportuno fare e cosa no. Come muoversi, come scegliere come considerare il suo punto di vista rispetto all’ambiente.