Per via di un clamoroso equivoco un lotto di salmone scaduto è stato venduto in una nota catena di supermercati. I dettagli dell’accaduto

Salmone
Fonte Pixabay

I richiami alimentari ormai ormai sempre all’ordine del giorno e ciò la dice lunga sui processi di lavorazione e di conservazione della società moderna. A rimetterci sono i consumatori che oltre a rischiare la propria salute, ci rimettono del denaro prezioso che avrebbero potuto utilizzare per prodotti sani.

Purtroppo però essendo questi dei meccanismi di produzioni su larga scala, non è possibile fermarli. Ci si può solo adeguare prestando la massima attenzione al momento dell’acquisto. Infatti, se per la contaminazione c’è ben poco da fare, almeno per quanto concerne lo stato di mantenimento e la scadenza, possiamo dire la nostra.

Salmone scaduto al supermercato: dove e successo e per quale motivo

Uno degli ultimi casi in tal senso è stato però così particolare che ha lasciato a bocca aperta i consumatori. In pratica la nota catena di supermercati Carrefour ha pubblicato un avviso di richiamo sul proprio sito per quanto riguarda i tranci di salmone marinati Infusions, Marchio Mowi Gourmet.

Il lotto incriminato è il numero 02B821238 venduto nella confezione da 220 grammi. La drastica decisione è stata presa in seguito alla presa di coscienza di un errore di impostazione della stampante. In pratica è stata riportata una data di scadenza sbagliata, in quanto c’è stata un’inversione del giorno e del mese dell’anno.

La reale termine entro il quale doveva essere consumato era il 10/09/2021 mentre le confezioni riportano il 09/10/2021. Un vero e proprio abisso, che rende il salmone ancora buono agli occhi dei clienti.

Ovviamente nell’avviso è presente anche l’invito a non consumare il suddetto pesce e a riportalo al punto vendita. Per forza di cose, qualcuno lo avrà mangiato, ma fortunatamente il richiamo è avvenuto a pochi giorni dalla scadenza e quindi non dovrebbero esserci conseguenze drastiche.

LEGGI ANCHE >>> Doppio ritiro di pesce al supermercato: la motivazione è inquietante

Ad ogni modo il “salmone della discordia” è prodotto da Mowi Poland s.a con sede nello stabilimento di Ustka in via Duninowo 39 in Polonia. Insomma, le informazioni per riconoscerlo non mancano, l’importante è tenere sempre alta la concentrazione quando si fa la spesa. D’altronde i richiami nell’ultimo periodo sono stati molteplici.