Sapere quanti contributi mancano per andare in pensione è possibile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

pensioni contributi
Foto © AdobeStock

Il lavoro si rivela essere una parte importante della nostra vita, in quanto offre la possibilità di attingere a quella fonte di reddito necessaria per riuscire a far fronte alle varie spese quotidiane. Tante, in effetti, sono le volte in cui ci ritroviamo a dover mettere mano al portafoglio. Allo stesso tempo non si può negare come spesso l’attività lavorativa si riveli essere anche fonte di preoccupazione, per via dei vari impegni e scadenze da rispettare.

Proprio per questo motivo sono in molti a non vedere l’ora di accedere al trattamento pensionistico. A tal fine bisogna essere in possesso di determinati requisiti sia dal punto di vista anagrafico che dei contributi versati. Soffermandosi su quest’ultimi, sono in molti a voler sapere quanti ne mancano per poter finalmente accedere al trattamento. Entriamo quini nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito e come fare.

Pensione, quanti contributi mancano? Ecco cosa c’è da sapere

In attesa di scoprire quali novità porterà con sé la riforma delle pensioni, si invita a prestare attenzione alla propria posizione contributiva. Per scoprire quanto manca alla pensione, infatti, il lavoratore può consultare un apposito documento, ovvero l’estratto conto contributivo, che può essere ordinario o certificativo.  Ebbene, proprio per sapere quanti contributi sono stati versati, bisogna richiedere l’estratto conto certificativo, ovvero Ecocert.

Per ottenere quest’ultimo non bisogna fare altro che accedere al sito dell’Inps, alla sezione “Domanda pensione, ricostituzione, ratei, Ecocert, ape sociale e beneficio precoci” e cliccare su Nuova domanda e poi su Certificazioni. Una volta inseriti i dati richiesti, cliccare su Certificazione, Prodotto ed Estratto Conto Certificativo. Per finire cliccare sul tasto Salva e prosegui.

LEGGI ANCHE >>> Pensioni a rischio, i soldi stanno per finire: l’ultimo terribile incubo

Non è ancora disponibile, invece, l’Ecocert per dipendenti pubblici. Quest’ultimi possono comunque richiedere alla propria amministrazione del modello PA04, che certifica i periodi di attività. È sufficiente controllare quest’ultimo per verificare la propria posizione contributiva e segnalare eventuali anomalie.