Presto vi sarà il passaggio al nuovo digitale terrestre e molti dovranno cambiare la propria tv oppure dotarla di un decoder. Ecco cosa c’è da sapere in merito.

decoder tv
Foto © AdobeStock

A breve dovremo fare i conti con il passaggio definitivo al nuovo digitale terrestre. Una novità importante, che porterà in molti a dover sostituire il proprio caro vecchio apparecchio televisivo, in modo tale da risultare compatibile con il nuovo standard. Il nuovo digitale terrestre, ricordiamo, lavorerà con il sistema DVB-T2, portando con sé a dover fare i conti con delle frequenze diverse.

In molti danno per scontato che dovranno necessariamente acquistare un nuovo televisore. In realtà bisogna sapere che una soluzione fortunatamente esiste, ovvero optare per l’acquisto di un decoder compatibile che permetta in ogni caso di accedere alla nuova piattaforma televisiva che entrerà in vigore nel 2023. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Nuovo digitale terrestre, occhio al decoder: tutto quello che c’è da sapere

Come noto è già iniziato il graduale passaggio al nuovo digitale terrestre. Una vera e propria rivoluzione, con la data ultima per lo spegnimento degli ultimi MUX del vecchio sistema che è fissata al prossimo 30 giugno 2022. Proprio a causa di questo cambiamento, in molti si ritroveranno a dover addio alla propria cara televisione.

In alternativa è possibile optare per l’acquisto di un decoder che permetta di accedere al nuovo sistema DVB-T2. Tra questi si annoverano alcuni modelli, facilmente disponibili su Amazon, come ad esempio:

LEGGI ANCHE >>> Bonus TV, controllate se si vede il canale 100: tutto quello che c’è da sapere 

In tutti questi casi si tratta di modelli base, che permettono comunque di rendere compatibile la propria tv al nuovo digitale terrestre, senza spendere cifre da capogiro. Se non si desidera cambiare il proprio apparecchio, quindi, la soluzione c’è e consiste nell’acquisto di un nuovo decoder.