Ancora troppe le denunce di truffe, tentate o riuscite alla perfezione. Al centro di tutto un sms. L’arma è proprio quella.

Truffa bancaria
Foto © AdobeStock

Truffe on line, si diceva. Una delle dinamiche maggiormente temute dagli utenti di mezzo mondo. Le tipologie di raggiro son bene o male sempre le stesse ed hanno tutte come principio, come punto di incontro tra truffatore e potenziale truffato un sms. Nel testo del messaggio come spesso capita le informazioni rilasciate dalla nostra banca, chiaramente fasulle, circa la necessità di accedere per un motivo o per un altro al nostro home banking.

In alcuni casi, addirittura, una telefonata nella quale si parlerà con un finto addetto proprio della nostra banca, chiederà certezze delle chiavi d’accesso al nostro profilo on line. Ad ogni modo, correlato con il testo, ogni volta, troviamo un link alla fine dell’sms, cliccando su quel link, dicono, entreremo direttamente nella pagina d’accesso del nostro profilo on line, chiaramente fasullo. L’inserimento delle nostre credenziali darà carta bianca ai truffatori.

Come prevenire questo tipo di truffe, gli italiani sono stanchi di essere raggirati

E’ bene sapere come prima regola che possa valere come una sorta di prevenzione, che le banche, mai, inviano sms ai propri clienti in merito a possibili comunicazioni. Inoltre, ancora più incredibile appare il tentativo della telefonata con la richiesta delle credenziali. Qualcosa, a pensarci bene, assolutamente fuori dal comune. Basterebbe a mente lucida realizzare certe situazioni e verrebbe subito da pensare che si sta cadendo in una vera e propria truffa.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp e la truffa Amazon del 30°anniversario: non aprite quel link

Ad ogni modo le banche continuano ad avvisare i propri clienti circa l’opportunità di stare attenti a certi raggiri ed a certe comunicazioni. Spesso, i truffati, sopraffatti dal timore che qualcosa possa realmente danneggiarli finiscono per fare peggio e contribuire in maniera determinante al compimento della truffa ai loro danni. Sms, link e l’incertezza di ciò che si ha di fronte, di ciò che realmente sta succedendo. La vittima nell’incertezza si lascia convincere della genuinità di determinati contenuti e di conseguenza accetta di svolgere tutte le operazioni richieste. La truffa, è tutta qui.