Nel 2022 arriverà l’Assegno Unico Figli per le famiglie insieme ad altre novità relative a misure di sostegno quali i congedi parentali e gli incentivi per la scuola.

Adobe Stock

Il Bonus famiglia farà un nuovo ingresso trionfante nel 2022 introducendo importanti cambiamenti e novità. Il welfare italiano modificherà il suo aspetto grazie all’Assegno Unico Figli volto a sostenere le famiglie ma non sarà l’unica misura a caratterizzare il nuovo anno. I nuclei familiari verranno aiutati con diverse provvedimenti che rientrano nel Family Act. Il Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza stanzierà i fondi per poter realizzare le varie misure in modo tale da assicurare una ripresa economica delle famiglie colpite dalla pandemia.

Assegno Unico Figli e Assegno temporaneo minori

L’Assegno Unico Figli riunirà sotto lo stesso tetto tutte le misure attive nel 2021 rivolte ai nuclei familiari. Sarà un assegno universale, a cui accederanno tutti senza un limite superiore di ISEE. L’importo, naturalmente, varierà in base al reddito e potrà essere erogato anche accedendo già al Reddito di Cittadinanza.

Attualmente, in attesa dell’avvio della misura nel 2022, è attivo il bonus Assegno temporaneo minori per i figli a carico di età inferiore a 18 anni (in alcuni casi l’età arriva a 21 anni). Destinatari dell’incentivo sono lavoratori autonomi, disoccupati, coltivatori diretti, pensionati da lavoro autonomo e nuclei che non godono degli assegni familiari. In base all’ISEE verrà erogato uno specifico importo a partire da 167,5 euro.

Incentivi per Asili nido, nuovi contributi validi dal 2022

A partire dal 2022 dovrebbero essere stanziati nuovi contributi per aiutare le famiglie nel pagamento della retta degli asili nido. Destinatari sono i nuclei familiari con bambini di età inferiore a sei anni. In più, il piano del Governo prevede l’erogazione di incentivi per le spese sostenute per l’assistenza domiciliare in aggiunta alle detrazioni fiscali.

Figli con patologie, oltre l’Assegno Unico Figli

Le famiglie con un componente affetto da patologie fisiche o psichiche potranno usufruire di incentivi volti a supportare le spese per l’iscrizione a corsi di formazione, artistici o sportivi dei figli oppure per viaggi di istruzione. Rientrano tra i beneficiari della misura i minori che soffrono di disturbi specifici dell’apprendimento.

Congedi parentali e lavoro femminile

Il Family Act tiene conto, poi, dei congedi parentali e del lavoro femminile. L’occupazione femminile in aumento crea l’esigenza di trovare nuovi equilibri all’interno della famiglia. Da qui l’idea di introdurre congedi parentali di paternità grazie ai quali anche gli uomini potranno assentarsi dal lavoro dopo la nascita di un figlio e venire regolarmente retribuiti.

In più, per sostenere il lavoro femminile verranno erogati incentivi per la nascita e il sostegno delle attività imprenditoriali gestite da donne.

Leggi anche >>> Assegno ponte per le famiglie: gli italiani stanno rinunciando a 300 euro al mese

Nuove misure anche per i giovani

Il nuovo anno sosterrà misure interessante dedicate ai giovani. Gli incentivi dovrebbero essere tre. I primi due riguarderanno la possibilità di scaricare le spese effettuate per acquistare i libri di testo universitari e le spese per il pagamento dell’affitto di locazione per figli maggiorenni iscritti ad un corso universitario. Il terzo incentivo, infine, sarà dedicato ai giovani di età inferiore ai 35 anni che intendono acquistare la prima casa.