Rimborso 730: il motivo per cui non arriva ai pensionati

Cerchiamo di capire perché ad alcuni pensionati non arriva il rimborso 730 e cosa bisogna fare qualora ci si ritrovi in questa situazione

Rimborso 730

Un caso piuttosto spinoso che riguarda il sistema previdenziale italiano è quello dei mancati rimborsi 730 ai pensionati. Possono essere molteplici le cause che possono portare a ciò, ma anziché farsi prendere da inutile allarmismi, è decisamente più produttivo fermarsi a ragionare su quali possano essere le motivazioni di questo disservizio. 

Cerchiamo di scoprirle insieme, analizzandole nel dettaglio. Prima di procedere con le varie spiegazioni è bene rammentare che si possono avanzare dubbi e pretese solo nel caso la documentazione sia stata presentata correttamente e nei tempi prestabiliti. 

Rimborso 730: ecco perché non arriva ai pensionati

Alle volte può capitare che per errore l’Inps non abbia acquisito il modello telematico 730/4 o che il Caf possa aver inviato il modulo in ritardo. Non è da escludere che il ritardo possa essere dovuto alla mancanza di personale da parte dell’Inps (in questo periodo dell’anno, molti impiegati usufruiscono di un fisiologico periodo di ferie).

In linea di massimi i rimborsi 730 arrivano tra agosto e settembre. Quindi al momento chi non l’ha ancora ottenuto deve ancora pazientare prima di poter puntare il dito contro il sistema di previdenza sociale. L’auspicio è che non ce ne sia bisogno e che entro la fine del nono mese dell’anno, la somma arrivi a destinazione.

Ma cosa si deve fare se l’accredito non avviene nemmeno sulla pensione di settembre? Bisogna controllare che la documentazione sia stata inviata correttamente entro giugno/luglio e che sia stato indicato l’Inps come sostituto d’imposta al momento della compilazione.

In seguito, è necessario verificare l’acquisizione telematica sul portale online dedicato. Se il tutto risulta corretto, significa che si è di fronte ad una situazione di ritardo. Quindi, ad ottobre 2021 a meno di clamorosi imprevisti dovrebbe essere corrisposto il rimborso Irpef. 

LEGGI ANCHE >>> Il 730 passato al setaccio: ecco cosa accade in caso di irregolarità

Per visualizzare correttamente il rimborso 730 pensionati 2021, è indispensabile avere le credenziali Inps, ovvero Pin o Spid (che a breve diventerà obbligatorio). Dopo di che non resta che accedere attraverso il sito ufficiale del sistema di previdenza nazionale.

L’ultimo passaggio è cliccare sul servizio “Cedolino della Pensione” nel box di ricerca e poi premere su “Accedi”. Alla voce “verifica pagamenti” si potrà visualizzare il mese oggetto d’interesse e vedere le varie opzioni tra cui “saldo Ipref Dich. Cred. 730”.