IVA, IRPEF, INPS: le scadenze fiscali partono il 20 agosto

Ecco tutte le scadenze fiscali ed anche gli adempimenti comunicativi, che vanno a scadere in data 20 agosto 2021

Calendario scadenze fiscali (Fonte foto: web)

Data da non dimenticare: 20 agosto 2021. Sono ben 141 gli impegni del Fisco da recuperare, dopo la pausa estiva. Il comma 11-bis, articolo 37 del decreto legge n. 223/2006, a dare la possibilità alla proroga feriale per gli adempimenti del Fisco, di congelare il calendario dal 1° al 20 agosto.

Il testo, indica chiaramente l’occasione per chi ha ancora tasse da pagare, che siano il Canone Rai o scadenze di IRPEF o IVA o ancora altro: Gli adempimenti fiscali e il versamento delle somme di cui agli articoli 17 e 20, comma 4, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, che hanno scadenza dal 1º al 20 agosto di ogni anno, possono essere effettuati entro il giorno 20 dello stesso mese, senza alcuna maggiorazione”.

Scadenze fiscali come una spada di Damocle: la data da segnare in rosso

Tra le cose da ricordare prima del 20 agosto, ci sono anche alcune scadenze INPS, con quest’ultima che presenta anche una novità. I pensionati infatti, da adesso potranno usufruire della delega digitale.

Proprio per INPS, ma anche per IVA ed IRPEF, scadono gli adempimenti periodici, ma non solo. C’è da ricordare anche dell’esonero per il Canone Rai over 75 e dell’esterometro secondo trimestre, oltre che delle imposte sui redditi che derivano dalle dichiarazioni dei redditi per coloro che sono esclusi dalla proroga.

LEGGI ANCHE>>> Taglio alle cartelle, pronto il “liberi tutti”: ecco la data da cerchiare in rosso

Per chi deve pagare con versamenti di IVA, ritenute IRPEF e contributi INPS, la scadenza è al 20 agosto ed i pagamenti vengono effettuati tramite modello F24. Ma non ci sono solo le scadenze, anche i cosiddetti adempimenti comunicativi si rifanno alla stessa data. Ed è il caso proprio dell’esterometro, per i soggetti passivi IVA e residenti nel Paese, con riferimenti a tutto il trimestre passato: aprile, maggio e giugno. Mentre per il Canone Rai, l’esonero da presentare sempre entro suddetta data, entra in vigore al secondo semestre dell’anno, ma dal 2022 diventa valido per l’intera annualità.