Truffano il sistema cashback: basta un complice ed un minimo di testa

Siamo abituati a pensare che per mettere in atto una truffa orchestrata nel migliore dei modi occorrano numerose risorse, sbagliato.

Truffa
Truffa (Adobe)

Ciò che si è potuto dimostrare negli ultimi tempi è che per portare avanti, realizzare diciamo cosi, nel migliore dei modi una truffa, non occorre chissà quale risorsa o disponibilità economica o una folta organizzazione, affatto. La cronaca degli ultimi tempi ha dimostrato esattamente l’opposto. Le truffe che spesso riescono meglio sono quelle che hanno dalla propria tanto ingegno, al massimo un paio di complici ed una efficace organizzazione.

Secondo Shahnawaz Backer, Principal Security Advisor di F5 spesso grandi aziende come Uber, Paypal o Airbnb applicano modelli di business estremamente complessi, certo, ma che non nascondono però punti deboli, prontamente individuati dai truffatori che riescono a sfruttarli a proprio piacimento e chiaramente vantaggio. Questo nuovo genere di truffa, se cosi si può dire, prende il nome di Collusion Fraud ed ha dalla sua diverse modalità di applicazione, basta un complice.

Un complice e  l’abilità di sfruttare al meglio la situazione creatasi

Un esempio pratico ha riguardato una nota azienda alimentare truffata attraverso l’utilizzo di carte di credito rubate. Il gioco era abbastanza semplice. Acquisti effettuati con le suddette carte di credito più un a lauta mancia al fattorino che avrebbe poi consegnato la merce. Dopo un po’ i titolari delle carte di credito si accorgevano dell’imbroglio ed avvisavano la propria banca che prontamente stornava gli importi spesi in precedenza.

Le mance però, no, le mance restavano al corriere che però aveva già nel frattempo incassato tutto. 3.000 ordini in tutto effettuati in un periodo di tre mesi. Un valore complessivo, delle truffe messe in atto,  di 1,5 milioni di dollari e mance erogate per un importo di circa 350.000 dollari. Altra pratica molto utilizzata è quella che attacca il cashback, non quello di Stato come in Italia. Transazioni effettuate, blocco successivo della transazione da parte del commerciante disonesto, il bonus utilizzato per altri tipi di transazione. Sistemi complessi e modalità di truffa più semplici che mai.

LEGGI ANCHE >>> Contatori Enel, i truffatori stavolta sono i cittadini: ecco cosa fanno

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il paradosso è tutto qui. Troppo sofisticati e complessi i sistemi che gestiscono certe piattaforme, tanto semplice raggirarli. Un complice, un minimo di ingegno ed una solida organizzazione, tutto qui.