Il nuovo digitale terrestre è in arrivo in Italia ma non siamo ancora del tutto pronti al cambiamento. Approfondiamo lo switch per non avere più dubbi.

Digitale terrestre
Adobe Stock

Il nuovo standard DVB-T2 sarà indispensabile per continuare a vedere i programmi televisivi preferiti. Il digitale terrestre in arrivo prevede che i televisori siano dotati di una particolare tecnologia per continuare a funzionare. Sapere se il proprio apparecchio è adatto alla ricezione del DVB-T2 è fondamentale per capire come muoversi così come è importante conoscere le date in cui avverrà lo switch. Ogni regione ha un proprio piano, con data di inizio differente. Scopriamo quali sono.

Leggi anche >>> Digitale terrestre, senza questo perdi tutti i canali: come comprare un Tv nuovo con il Bonus

Le date dello switch del digitale terrestre in Italia

Le regioni italiane adotteranno il cambio di tecnologia in momenti differenti. Il primo periodo di riferimento va dal 1° settembre al 31 dicembre 2021 e riguarderà la Valle d’Aosta, il Piemonte, la Lombardia, l’Emilia Romagna, la provincia di Trento e la provincia di Bolzano. Il secondo range dello switch inizierà il 1° gennaio 2022 e finirà il 31 marzo dello stesso anno. Le regioni coinvolte saranno la Liguria, la Toscana, l’Umbria, il Lazio, la Campania e la Sardegna.

Le ultime regioni ad affrontare il cambiamento di digitale terrestre saranno la Sicilia, la Puglia, la Calabria, il Molise, l’Abruzzo, la Basilicata e le Marche. Il periodo di riferimento è compreso tra il 1° aprile 2022 e il 20 giugno 2022. 

Leggi anche >>> Nuova tecnologia per il Digitale Terrestre: ecco quali decoder non bisogna comprare

Come verificare l’idoneità della propria tv

E’ consigliabile verificare l’idoneità della propria tv prima dell’avvicinarsi delle date in cui è previsto lo switch. Il passaggio alla nuova tecnologia comporterà l’impossibilità di utilizzare vecchi televisori acquistati prima del 2017. Dall’anno in questione, infatti, gli apparecchi in vendita devono necessariamente essere dotati della predisposizione al nuovo digitale.

Per controllare l’idoneità o meno allo standard in arrivo basterà effettuare un semplice test. L’utente dovrà accendere la tv e collegarsi al canale 100 oppure al canale 200. Se si visualizza la scritta Test HEVC Main 10 almeno su uno dei due canali la tv è idonea alla ricezione del nuovo segnale. In caso contrario occorrerà procedere con l’acquisto di un nuovo apparecchio non dimenticando che è possibile utilizzare il Bonus Tv per ammortizzare la spesa.