Ecco le migliori proposte degli istituti bancari per quanto concerne il mutuo sulla prima casa per i giovani. Tutte le agevolazioni da non perdere 

Mutuo prima casa
Fonte foto: web

Grandi novità per i giovani che vogliono fare il grande passo di comprare casa. Grazie al mutuo prima casa per i giovani, misura prevista nel Decreto Sostegni bis, le possibilità di acquisto sono ancora più allettanti.

Infatti è prevista una garanzia dello stato sull’80% del finanziamento concesso dalle banche. Non tutti gli istituti di credito però hanno dato il loro assenso a dar manforte agli under 36. Scopriamo quali invece sono disposti a fornire credito con condizioni ancora più vantaggiose di quelle previste dal governo.

LEGGI ANCHE >>> Mutuo sospeso, guida all’agevolazione: come funziona per la prima casa

Mutuo prima casa per i giovani: le banche che hanno aderito all’iniziativa

Sono esclusi coloro che hanno il 35esimo anno di età e che presentano un ISEE inferiore a 40mila euro (si prende in considerazione quello dell’intero nucleo familiare). Una vera e propria beffa che esclude molti ragazzi che magari non hanno nemmeno un impiego stabile, ma che venendo da una famiglia benestante non hanno poi diritto al beneficio.

Il finanziamento complessivo non deve essere superiore a 250mila euro e tra i benefici c’è anche la cancellazione delle imposte di registro, dell’imposta ipotecaria e catastale. Inoltre se l’imposta è soggetta ad Iva, è possibile beneficiare di un credito d’imposta di uguale importo dell’Iva che è sta pagata per l’acquisto dell’abitazione.

LEGGI ANCHE >>> Mutuo, l’occhio vigile del Fisco: presto potrebbe cambiare tutto

Le banche poi dovranno applicare condizioni migliori rispetto a quelle di mercato considerando che il Fondo di Garanzia dello Stato riduce al minimo i rischi per gli istituti di credito.

Tra le banche che hanno deciso di aderire ci sono la Credit Agricole che ha deciso di erogare finanziamenti fino al 100% del valore dell’immobile restituibili in 30 anni e Intesa San Paolo. Quest’ultima offre tassi particolarmente vantaggiosi, l’azzeramento delle spese di istruttoria e di incasso rata e del costo di opzioni contrattuali. Anche in questo caso il finanziamento è totale.

Un modo per dare nuova linfa ad un mercato che si sta pian piano rialzando dopo anni di fasi un po’ piatte, basti pensare che i primi 6 mesi del 2021 hanno fatto registrare un consistente aumento dei mutui, soprattutto da parte dei giovani. La media delle cifre richieste è di 137.626 euro.