Scopriamo come funziona il bonus cani e gatti 2021, chi ne può usufruire e quali sono le modalità di calcolo del beneficio 

cane gatto

Tra i tanti bonus varati nell’ultimo anno e mezzo non poteva mancare uno a favore delle famiglie che possiedono animali domestici, in particolar modo cani e gatti. 

Molti italiani possiedono almeno uno di questi amici a quattro zampe e per poterli sostentare c’è bisogno di spese di non poco conto, che vanno ad incidere e non poco sul bilancio familiare mensile. 

LEGGI ANCHE >>> Hanno rubato i soldi destinati ad un canile: incredibile come hanno fatto

Bonus cani e gatti 2021: cos’è e come si calcola

Per questo è stato istituito un’incentivo che consiste in una detrazione fiscale per le spese veterinarie affrontate per curare i propri animali da compagnia. Rispetto ad un anno fa la soglia massima di spesa detraibile è stata aumentata di 50 euro arrivando così a 550 euro.

A questo bonus va applicata una franchigia di 129,11 euro. Quindi facendo conto che si è sostenuta la spessa massima di 550 euro bisogna sottrarre la franchigia e sulla differenza applicare una detrazione delle spese del 19%.

In basse a questo calcolo, il rimborso massimo annuale a cui si può aspirare è di 80 euro. Le spese ammesse sono quelle relative all’acquisto di farmaci, visite veterinarie e interventi chirurgici. 

Altro particolare fondamentale è che la modalità di pagamento deve essere tracciabile, quindi tramite bonifico bancario o postale, carte di credito o di debito o bancomat. I pagamenti in contanti sono accettati solo per l’acquisto di medicinali, strumenti medicali e prestazioni sanitarie. 

Non sono ricompresi in questo computo i costi sostenuti per l’acquisto di mangimi, cibo, farmaci senza prescrizione del veterinario e antiparassitari. È bene tenerlo a mente.

LEGGI ANCHE >>> Violenza sugli animali: maltrattare cani e gatti può costare 30mila euro

Dunque, un mondo tutto da scoprire e da approfondire per le persone, che hanno deciso di accogliere cani e/o gatti nella propria abitazione. La cifra massima da detrarre non è altissima. Può essere comunque utile in una fase in cui le spese in arrivo sono tante e le finanze in alcuni casi latitano.