Il Bonus Auto è stato ufficialmente approvato e i fondi sono stati stanziati. Vediamo quali sono i criteri degli incentivi per iniziare a sognare.

Pixabay

Il desiderio di cambiare auto o acquistare la prima macchina potrà essere presto realizzato. E’ uscita la Legge che regola i criteri degli incentivi del Bonus Auto dopo l’approvazione del Senato e l’inserimento nel Decreto Sostegni Bis. E’ la misura che tutti coloro in procinto di comprare un’auto stavano aspettando, ma in cosa consiste?

Leggi anche >>> Il Valore Futuro Garantito nei finanziamenti auto conviene? Ecco la verità

Le novità del Bonus Auto

In linea generale, la novità più importante introdotta dal Bonus Auto riguarda l’inserimento dei veicoli usati nella misura. Gli ecoincentivi automobilistici, dunque, ampliano la sfera di destinatari includendo anche gli automobilisti che intendono acquistare una macchina usata. Naturalmente, indipendentemente dal nuovo o dall’usato, occorrerà procedere con l’acquisto di specifici modelli e rispettare dei requisiti base per l’accesso alla misura.

Il punto base da cui partire riguarda i fondi stanziati dal Governo per l’eco-bonus auto, 350 milioni di euro a cui si potrà accedere fino al 31 dicembre 2021. L’obiettivo è duplice. Sostenere imprese e lavoratori del settore della distribuzione automobilistica ampliamente colpiti dalla pandemia e favorire la transazione ecologica.

Leggi anche >>> Furti d’auto in Italia: quali sono i modelli “preferiti” dai malviventi

La ripartizione dei fondi, ecco i criteri degli incentivi

Pixabay

La somma totale di 350 milioni di euro per gli incentivi del Bonus Auto è ripartita in modo preciso. L’importo maggiore, 200 milioni di euro, è dedicato all’acquisto di vetture nuove con emissioni di anidride carbonica comprese tra 61 e 135 grammi/km. Saranno 60 milioni, poi, gli incentivi rivolti all’acquisto di auto elettriche ibride plug-in con emissioni comprese da 0 a 60 grammi/km.

Altri 50 milioni di euro saranno destinati per incentivare l’acquisto di van e furgoni di peso inferiore alle 3,5 tonnellate mentre 40 milioni sono gli incentivi utilizzati per l’acquisto di veicoli usati.

Leggi anche >>> Assicurazione auto, la prima regola per spendere di meno ogni anno

Quale sarà l’ammontare dell’incentivo

L’incentivo è frutto della somma del Bonus Stato e dello sconto applicato dal concessionario. L’importo diminuirà man mano che aumenteranno le emissioni di anidride carbonica dell’auto acquistata. L’incentivo massimo sarà pari a 10 mila euro e riguarderà l’acquisto di un’auto elettrica con contemporanea rottamazione di un veicolo di più di dieci anni omologato al massimo Euro 4. In caso di assenza di rottamazione l’incentivo sarà di 6 mila euro. 

Ricordiamo, infine, che il costo dell’auto non dovrà superare i 50 mila euro più IVA e che gli incentivi per auto non elettriche variano dai 750 euro fino ai 2 mila euro.