L’estate sarà più fresca con il Bonus Condizionatori. Dal 50 al 110%, varie detrazioni con un unico obiettivo, risparmiare sulla spesa.

Adobe Stock

Acquistare un condizionatore è una scelta quasi obbligata se si vive in una calda città e si passa molto tempo in casa. La spesa da affrontare è decisamente importante ma è utile sapere che grazie al Bonus Condizionatori si potrà passare l’estate al fresco risparmiando. L’incentivo consente di giocare su vari fronti e variare la percentuale di sconto dal 50 al 110%.

Leggi anche >>> Bonus Condizionatori: l’estate più fresca della vostra vita con una spesa piccola piccola

Chi sono i destinatari del Bonus Condizionatori 2021

I beneficiari dell’agevolazione sono coloro che procedono con l’acquisto di impianti a risparmio energetico. Parliamo di soggetti fisici, dei possessori di partita IVA, degli istituti Autonomi delle case popolari, dei condomini, dei proprietari di immobili o di persone conviventi e di soggetti che pagano l’affitto. L’inoltro della domanda dovrà avvenire entro il 31 dicembre 2021 e sarà consentito solo telematicamente accedendo al portale dell’Agenzia delle Entrate.

Leggi anche >>> Casa ha bisogno di lavori? Forse è il momento giusto: la lista dei bonus vincenti

Quali sono le percentuali di risparmio per una fresca estate

Pixabay

La detrazione fiscale presenterà percentuali differenti in base agli interventi che il richiedente effettuerà. La somma non verrà erogata in un’unica soluzione ma sarà spalmata su più anni. Una prima detrazione è del 50% e spetta a chi compra nuovi condizionatori o pompe di calore durante lavori di ristrutturazione dell’immobile. L’importo massimo su cui spetta la detrazione è di 96 mila euro.

La detrazione sale al 65% se il richiedente sostituisce un vecchio apparecchio con un nuovo condizionatore o pompa di calore ad alta efficienza energetica. L’importo massimo per la detrazione è di 46.154 euro.

Leggi anche >>> Sostituzione infissi 2021, risparmio fino al 100% con il Superbonus 110%

Super risparmio del 110%, vediamo in quali casi

Un risparmio imperdibile si potrà ottenere se l’acquisto dei condizionatori rientra nell’ambito dei lavori trainati del Superbonus 110%. E’ necessario sapere che la misura in questione crea una distinzione tra lavori trainanti e lavori trainati. I primi sono fondamentali per poter ricevere l’incentivo mentre i secondi rientrano nell’agevolazione solo se collegati con i lavori trainanti.

Di conseguenza, per poter inserire le spese di acquisto dei condizionatori all’interno del Superbonus 110% occorrerà effettuare un lavoro trainante come l’isolamento termico delle superfici opache verticali, la sostituzione degli impianti di riscaldamento invernali o interventi antisismici e di riduzione del rischio sismico.