Il Gruppo Intesa Sanpaolo è notissimo in tutta Italia, in virtù di una presenza capillare e di un piano offerte di tutto rispetto. Tra i vari prodotti, c’è l’interessante conto corrente Intesa Sanpaolo XME. Ma che opinioni hanno i clienti?

conto corrente

Tutti conoscono Intesa Sanpaolo, uno dei Gruppi bancari dalle radici più solide e con una rete di uffici assai ampia ed articolata, non soltanto in Italia. Quella di Intesa Sanpaolo è una lunga storia: parliamo infatti di un un istituto bancario italiano attivo dal primo gennaio 2007, che nacque dalla fusione tra Sanpaolo IMI e Banca Intesa. La sua sede legale e amministrativa si trova nella città di Torino; sede secondaria è a Milano. Le sue origini sono antiche giacchè risalgono al 1563, data di fondazione dell’Istituto Bancario Sanpaolo di Torino.

E’ interessante far notare che Intesa Sanpaolo è al momento il primo Gruppo bancario nel nostro paese, per numero di sportelli e quota di mercato. L’istituto è inoltre parte del paniere dell’indice FTSE MIB, quotata nella Borsa di Milano.

Non deve sorprendere che la sua offerta di servizi e prodotti sia molto estesa e adatta a tutte le esigenze, conformemente agli standard di mercato e allo scopo di contrapporsi alla sempre più agguerrita concorrenza. In particolare, il Gruppo propone il conto corrente Intesa Sanpaolo XME, vale a dire un prodotto che può essere aperto anche online. Di seguito scopriremo le caratteristiche essenziali di esso e i punti di forza ma anche ci focalizzeremo sui pareri ed opinioni dei clienti, per capire che aria tira tra coloro che hanno provato questo conto corrente.

Il conto corrente Intesa Sanpaolo XME è siciuro?

Abbiamo accennato al fatto che la presenza del Gruppo Intesa Sanpaolo è forte anche fuori dal nostro paese. In effetti, prima di porre attenzione al prodotto di punta denominato conto corrente Intesa Sanpaolo XME, è utile spendere qualche parola sui numeri di questo istituto. Ebbene, il Gruppo Intesa Sanpaolo è uno dei principali gruppi bancari in Europa, con una capitalizzazione di mercato pari a circa 45,3 miliardi di euro. Non solo: questo operatore del mondo bancario è impegnato a sostenere l’economia nei Paesi in cui è attivo; in particolare in Italia, paese in cui è anche impegnato a rappresentare un punto di riferimento in termini di sostenibilità e responsabilità sociale e culturale.

In tutta sicurezza si può affermare che Intesa Sanpaolo è leader nel nostro paese in tutti i settori di attività in cui è operativo (retail; corporate e wealth management). Numeri importanti perchè il Gruppo offre i propri servizi a qualcosa come 13,5 milioni di clienti, sfruttando una rete di circa 4.700 sportelli presenti in Nord, Centro, Sud ed isole, con quote di mercato non inferiori al 12% nella maggior parte delle regioni.

Il ruolo internazionale di Intesa Sanpaolo

Ma non è finita qui, perchè oltre ad essere banca tradizionale e banca online al contempo – conformemente ai più moderni standard – Intesa Sanpaolo può contare su una presenza internazionale strategica, con circa 1.000 sportelli e 7,1 milioni di clienti; comprese le banche controllate che sono attive nel commercial banking in 12 Stati in Europa centro-orientale e in Medio Oriente e Nord Africa. Rileva altresì la rete internazionale specializzata nel supporto alla clientela corporate in ben 25 Stati, soprattutto nel Medio Oriente e Nord Africa; e in quelle zone del globo in cui si ha il maggior dinamismo delle imprese italiane, come USA, Cina, Brasile ed India. Come accennato all’inizio, il Gruppo bancario Intesa Sanpaolo è sorto dalla fusione di Banca Intesa e Sanpaolo IMI, due consistenti realtà bancarie italiane all’epoca caratterizzate da valori comuni. La finalità dell’unione è stata ed è quella di crescere, per servire meglio le famiglie e contribuire ancor più allo sviluppo delle imprese e alla crescita del nostro paese.

Data simbolo per il Gruppo è il primo gennaio 2007, quando vi fu ufficialmente la fusione; mentre i primi passi in direzione del processo di integrazione vi furono il 26 agosto 2006, giorno in cui i Consigli di Amministrazione delle due banche dissero sì alle linee guida del progetto di fusione, ratificato poi il 12 ottobre 2006 e convalidato dalle rispettive Assemblee Straordinarie il primo dicembre dello stesso anno. E un’altra tappa significativa del Gruppo è il 5 agosto dell’anno scorso, giacchè in quella data Intesa Sanpaolo acquisì il controllo di UBI Banca, fondendola per incorporazione il 12 aprile 2021.

LEGGI ANCHE >>> Il conto corrente Deutsche Bank si fa in 5, qual è il migliore?

Conto corrente Intesa Sanpaolo XME: di che si tratta?

Il conto corrente Intesa Sanpaolo XME è certamente interessante perchè il cliente grazie ad esso può costruire un’offerta personalizzabile, in grado di evolvere in sintonia con i bisogni del cliente e del suo nucleo familiare. Insomma, questo conto è del tutto modulabile, in modo che il correntista possa scegliere tra le varie offerte di conto, quella con i servizi e i prodotti correlati più coerenti con le proprie esigenze. E che potranno essere acquistati o modificati in ogni momento e luogo.

Questo prodotto può essere sottoscritto se l’interessato ha compiuto 18 anni. E se l’interessato è l’unico intestatario del conto, fino ai 35 anni non compiuti, il canone dell’offerta prescelta (conto più servizi associati) è scontato fino a un totale di 7 euro. Dal punto di vista dei costi XME Conto comporta il versamento di un canone mensile base di 6 euro che include:

  • accredito stipendio o pensione;
  • invio documenti online gratuito;
  • domiciliazione con addebito diretto delle utenze;
  • rilascio moduli di assegni;
  • accesso alla banca online – servizio O-Key Smart.

Come abbiamo già visto in relazione alle offerte di conto corrente di altre banche, il canone totale mensile è variabile in base ai prodotti e servizi abbinati al c/c. Ci si potrebbe chiedere come è addebitato il canone del conto corrente Intesa Sanpaolo XME: ebbene, la cifra è fatta gravare attraverso l’addebito di un solo costo mensile totale, l’ultimo giorno lavorativo del mese. L’addebito comporta tutti i canoni dei servizi associati al conto, secondo le necessità del cliente.

Già in altre occasione ci siamo occupati della questione relativa al trasferimento del conto corrente da una banca all’altra. Anche per quanto riguarda l’offerta di conto corrente Intesa Sanpaolo XME, il cliente è assai facilitato: infatti, se vuole cambiare banca e affidarsi appunto a questa, sarà proprio il gestore colui che aiuterà a trasferire in Intesa Sanpaolo il conto e i prodotti e i servizi bancari, evitando al nuovo cliente noiose incombenze. Non stupisce di certo che sia possibile associare al conto corrente Intesa Sanpaolo XME un fido o una carta di credito, previa richiesta di rilascio alla banca stessa. Sarà poi quest’ultima ha valutare la fattibilità dell’operazione, tenendo conto di tutti gli elementi rilevanti attinenti al profilo patrimoniale, reddituale e personale del cliente interessato. In ogni caso, per altre informazioni e per completezza, indichiamo qui la scheda ad hoc redatta dalla banca.

Conto corrente Intesa Sanpaolo XME: quali sono le promozioni attive?

In breve, ricordiamo di seguito quali sono le promozioni attive sul conto corrente Intesa Sanpaolo XME. Abbiamo le seguenti condizioni:

  • meno 7 euro sul canone totale mensile se il correntista ha meno di 35 anni e il conto è intestato solo a lui;
  • meno 6 euro sul canone totale mensile se il cliente collega un Servizio di gestione di portafogli della gamma Gestioni Patrimoniali di Eurizon Capital SGR;
  • ancora, meno 2 euro sul canone totale mensile se il correntista che sceglie questo conto, accredita lo stipendio o la pensione sul conto.

Si tratta, in verità, di offerte e vantaggi non dissimili da quelli offerti da diversi altri istituti di credito, e ovviamente Intesa Sanpaolo non fa eccezione. Inoltre, è interessante ricordare che dette promozioni sono tra loro cumulabili. E sono in grado di scontare il prezzo dell’offerta prescelta.

Sempre sul piano dei vantaggi ad aprire il conto corrente Intesa Sanpaolo XME, non possiamo non ricordare la possibilità di aprirlo, direttamente online . E se l’interessato ha meno di 35 anni, è gratuito.

Conto corrente Intesa Sanpaolo ‘di Base’: la sua finalità

In verità, nella pagina web della banca, relativa all’apertura del conto online, è menzionato anche il cd. “Conto di base”, ai sensi degli articoli 126-noviesdecies e seguenti del D. Lgs. n. 385/1993 (Testo Unico Bancario) e del decreto di attuazione (Decreto del Ministero dell’economia e delle finanze n.70/2018), i quali ne stabiliscono le caratteristiche anche per le fasce socialmente svantaggiate e per i titolari di pensioni fino a 18.000 euro lordi ogni anno.

In relazione all’offerta di conto corrente Intesa Sanpaolo XME non può non essere citato anche questo prodotto, che è rivolto specificamente ai clienti che hanno un’operatività limitata e che hanno bisogno esclusivamente di operazioni di base ed essenziali. Tra esse, a titolo meramente esemplificativo, ricordiamo il versamento e il prelievo di contanti, e l’invio o ricezione di bonifici SEPA. In base alle regole applicate, gli interessati non devono essere titolari di altri conti presso la stessa banca; ma possono avere distinti conti correnti in altri istituti.

Il Conto di base del Gruppo Intesa Sanpaolo costituisce un conto di pagamento ad operatività limitata e costo ridotto, ideato in primo luogo per chi ha esigenze bancarie essenziali. Detto prodotto è offerto senza spese a chi fa parte di una fascia socialmente svantaggiata o è un pensionato a basso reddito.

Ecco perchè chi intende avvicinarsi ad Intesa Sanpaolo deve aver ben chiara la distinzione tra il conto corrente Intesa Sanpaolo XME e il più elementare conto “di Base”. Per legge, quest’ultimo ha la caratteristica di essere proposto ad un un canone contenuto, variabile da una banca (o altro prestatore di servizi di pagamento) all’altra – e prevede, come accennato, soltanto alcuni servizi prestabiliti come versamenti, prelievi, pagamenti, carta di debito, ecc.

E’ altresì interessante notare che, rispetto al conto corrente Intesa Sanpaolo XME, essendo un c/c di semplice movimentazione di denaro non comporta né una remunerazione delle giacenze (ossia il pagamento di interessi sulle somme in deposito); né la possibilità di “andare in rosso”. Il conto di Base è offerto a canone zero e con l’esenzione dall’imposta di bollo a tutti i soggetti che hanno un reddito particolarmente basso.

In ogni caso, per ulteriori informazioni di dettaglio e per valutare l’opportunità o meno di questo conto, piuttosto che il conto corrente Intesa Sanpaolo XME, è opportuno chiedere al Gestore in filiale e/o fare riferimento ai fogli informativi presenti in filiale e sul sito web della banca.

In questa interessante pagina del sito internet ufficiale di Intesa Sanpaolo, è possibile trovare tutti i documenti e informazioni che interessano.

Conto corrente Intesa Sanpaolo XME: i vantaggi

A questo punto, giova ricordare quali sono gli aspetti maggiormente interessanti dell’offerta di conto corrente Intesa Sanpaolo XME. Vediamoli nell’elenco che segue:

  • Apertura online: occorre tenere a portata di mano documento di identità in corso di validità e codice fiscale;
  • Canone mensile base: 6,00 euro – Canone annuo 72,00 euro (azzerabile);
  • Tutto sotto controllo via web: tramite sito o app, il cliente può gestire il conto in ogni luogo e avere traccia del saldo e delle operazioni;
  • Possibilità di controllare le spese e fare bonifici e pagamenti online da sito web e app;
  • Possibilità di pagamento dei bollettini online o da app con una foto, in pochi secondi;
  • Carta di credito titolare con canone agevolato, per i propri acquisti in ogni parte del globo e sul web;
  • Gratis per gli under 35: ciò in concreto significa che se l’interessato lo apre entro il 31 dicembre 2021, il canone base del conto e canone della carta di debito sono azzerati in virtù dello sconto sul canone mensile totale fino al compimento dell’età di 35 anni. Inoltre, l’imposta di bollo è a carico della banca, mentre è azzerato il costo di 2 euro sui prelievi di contante agli sportelli automatici non del Gruppo, in Italia e al di fuori del nostro paese. Sono a costo zero i bonifici SEPA in euro via web e in filiale allo sportello verso Italia e UE; e ancora zero costi per ciascun addebito diretto ADUE, come le bollette di luce, gas e telefono.

Attenzione però ai dettagli: infatti, come si può leggere nel sito web ufficiale della banca, la promozione conto corrente Intesa Sanpaolo XME, rivolta agli under 35, riguarda i nuovi clienti intesi come soggetti che non siano titolari di altro conto corrente in Intesa Sanpaolo da almeno 6 mesi, che aprono XME Conto monointestato.

Conto corrente Intesa Sanpaolo XME: tutto sotto controllo online

Come accennato sopra, il conto corrente Intesa Sanpaolo XME può essere aperto anche via web. Non deve certamente stupire che possa essere gestito tramite una connessione internet. Infatti, l’utente può controllare in ogni momento e luogo, saldo e operazioni grazie al servizio gratuito denominato “O-Key Smart”. Attraverso questo servizio, è possibile entrare nel proprio conto e fare operazioni sul web in elevata sicurezza anche dal proprio smartphone, scaricando la relativa app.

O-Key Smart è un servizio tecnologico, messo a punto dal Gruppo Intesa Sanpaolo, per rendere più agevole la fruizione delle funzionalità online. Con esso, infatti, è possibile accedere con velocità e sicurezza alla banca online, per autorizzare le operazioni via cellulare (no rischi phishing). Inoltre, grazie alla propria impronta digitale, il cliente fa a meno del PIN, se il proprio smartphone è dotato di Touch ID o Fingerprint. Non solo: il prelievo alle casse veloci viene fatto con app e senza più la carta. In sintesi, ecco un elenco delle principali operazioni che si possono fare online (sito e app):

  • Controllare le spese e fare bonifici e pagamenti;
  • Pagamento bollettini online o da app con una foto, in pochi secondi;
  • Salvataggio nella rubrica dei beneficiari per averli a portata di clic;
  • Pagamento via web o prenotazione MAV, RAV, F24;
  • Domiciliazione utente via addebito diretto;
  • Possibilità di controllare in ogni momento il riepilogo delle operazioni con la funzione ‘ARCHIVIO’;
  • Possibilità di visualizzare il saldo sull’app anche prima di inserire i codici di accesso;
  • Attivazione dal sito web della banca del promemoria per ricordare le scadenze dei pagamenti o le operazioni salvate;
  • Programmazione delle operazioni per farle ancora più velocemente o per renderle ricorrenti.

Questo Gruppo appare molto attento a chiarire ogni possibile dubbio del cliente o potenziale cliente, nello stesso sito web. Infatti, per assicurare un’informazione completa, oltre alla documentazione di Trasparenza, si può fare riferimento alle guide Quick Start, brochure create dal dialogo con le Associazioni dei Consumatori al fine di garantire massima chiarezza sulle caratteristiche dei prodotti e servizi, tra cui anche il conto corrente Intesa Sanpaolo XME.

Conto corrente Intesa Sanpaolo XME: come chiuderlo?

Analogamente a quanto accade con l’apertura vi è da dire che la chiusura del conto non comporta specifiche difficoltà. L’interessato dovrà infatti, in qualità di intestatario del conto XME, inoltrare una domanda di chiusura dello stesso direttamente in filiale o spedendola, non per forza con lo strumento della raccomandata, alla filiale nel quale è intrattenuto il conto corrente XME.

In particolare, è da notare che sul portale web del sito Intesa Sanpaolo sarà possibile scaricare con facilità un modulo ad hoc per mettere in pratica la chiusura del conto. Il cliente sarà tenuto ad allegare alla stessa domanda, oltre alla doverosa copia del proprio documento di identità e del codice fiscale; le carte magnetiche e le chiavi delle cassette di sicurezza. Non dovrà mancare altresì il carnet degli assegni. Ma non è finita qui. Infatti, il cliente potrà anche dare indicazioni alla banca sul trasferimento dell’eventuale residuo su altro c/c e degli eventuali servizi attivi come Telepass; pagamenti su carte di credito o domiciliazioni utenze domestiche.

Conto corrente Intesa Sanpaolo XME: altre informazioni utili

Inoltre, vale la pena ricordare alcune altre informazioni essenziali, in merito all’offerta di conto corrente Intesa Sanpaolo XME. Per esempio, dopo l’apertura, il correntista può personalizzare XME Conto con i prodotti e i servizi più utili per la propria persona, in qualsiasi momento. Ancora, come visto sopra, in caso di poche operazioni il Conto di Base è la miglior soluzione e si fa preferire.

E’ importante rimarcare che per procedere all’apertura del conto corrente Intesa Sanpaolo XME e operare via web (da sito internet e app Intesa Sanpaolo Mobile), il cliente deve sottoscrivere, se non già titolare, il contratto My Key che regola, tra l’altro, l’uso della firma grafometrica e della firma digitale, e il Servizio per operare a distanza con la banca.
Sui prelievi di contante agli sportelli automatici non in euro è fatta valere la commissione di conversione valuta. Mentre, per quanto attiene al rilascio dei moduli di assegni, si tratta di autonomia valutazione della banca. E per ciascun assegno bancario scatta l’imposta di bollo prevista dalla legge.

Conto corrente Intesa Sanpaolo XME Up!: che cos’è

In questa nostra sintesi dell’offerta di conto corrente di Intesa Sanpaolo, non possiamo non menzionare anche il conto denominato ‘Up!’. XME Conto Up! di Intesa Sanpaolo deve intendersi come un conto progettato per i giovani fino ai 18 anni. Ciò nella finalità di insegnare l’abc al risparmio e della gestione di un conto in banca. Questo prodotto è caratterizzato dalla ricchezza di servizi mirati ad una clientela assai giovane. Soprattutto, si distingue per la totale assenza di costi di gestione.

XME Conto Up! può essere certamente ritenuto un conto sicuro, grazie alla sottoscrizione del “Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi”, da parte del gruppo bancario. Giova ribadire l’utilità di detto fondo, che serve infatti a proteggere i correntisti, per importi fino a 100mila euro, nelle situazioni nelle quali l’istituto dovesse fallire o essere insolvente, senza più riuscire a pagare i debiti. Certamente punti a favore di questo conto corrente Intesa Sanpaolo sono rappresentati dalla ancora maggiore personalizzazione, tenuto conto del target di riferimento, e della generale economicità di esercizio.

Le caratteristiche principali del conto corrente XME Up!

Grazie a XME Conto Up!, abbiamo un conto corrente gratuito Intesa Sanpaolo per gli under 18, che può sfruttare le funzionalità del nuovo orologio Swatch abilitato per i pagamenti contactless: per questa via, i figli capiranno come si gestiscono i primi risparmi e come organizzare il proprio tempo. Ma non solo: con la funzione “parental control”, è sempre possibile  regolare i limiti di spesa e controllare gli acquisti. Funzioni come XME Salvadanaio insegnano fin da piccoli a mettere da parte somme per obiettivi futuri; mentre XME Dindi è il nuovo salvadanaio tecnologico, per conservare i propri risparmi in modo semplice e sicuro.

Fino a 20.000 euro: è questo l’importo massimo che i figli possono avere su XME Conto Up!, incluse le somme accantonate su XME Salvadanaio. E ancora, i genitori possono stabilire di volta in volta gli importi massimi che i figli possono spendere entro i limiti di 200 euro ogni giorno e 1.700 euro al mese.

LEGGI ANCHE >>> Offerte di conto corrente BNL Powered e Full: come funzionano?

Le opinioni dei clienti che hanno provato il conto corrente Intesa Sanpaolo XME: pro e contro

A questo punto, come al solito, vogliamo fare attenzione ad alcuni dei pareri più significativi dei clienti, in merito alla scelta di conto corrente Intesa Sanpaolo XME. Che cosa pensano? Vi sono soltanto commenti di persone soddisfatte o anche qualche critica più o meno costruttiva? Scopriamolo.

I pareri positivi dei clienti sul conto corrente Intesa Sanpaolo XME

Ovviamente, non mancano i commenti di chi è tutto sommato contento della scelta fatta, altrimenti non si spiegherebbe il successo del Gruppo. Abbiamo dunque chi ha sottolineato l’estrema praticità e flessibilità del conto, nonchè i vantaggi connessi ad essere un cliente under 35.

Costi tutto sommato moderati se non addirittura azzerati hanno convinto i più, ma anche soddisfazione per la gestione del conto corrente Intesa Sanpaolo XME direttamente da sito web o app dedicata. Ed inoltre privacy e sicurezza garantiti dalle tecnologie più moderne, come quella che si avvale dell’impronta digitale e firma digitale. Elogi anche per il fatto che il conto corrente Intesa Sanpaolo XME consente altresì di scegliere tra 4 differenti profili di rischio, che si adattano alle necessità e alla propensione al rischio dei vari clienti.

Apprezzati anche i classici servizi come ad es. la domiciliazione utenze gratis; la varie tipologie di carta di debito e di credito; la facilità dei pagamenti sia online che offline; le operazioni illimitate; la gratuità del versamento contanti o assegni; l’accredito gratis di pensione o stipendio. Inoltre, commenti positivi anche con riferimento all’elevato grado di dettaglio del sito web e alla professionalità del personale in filiale. Inoltre, il servizio è protetto e garantisce la sicurezza dei propri risparmi, in virtù del Fondo Interbancario Tutela del Deposito, ente a cui Intesa Sanpaolo è sottoscritta, che assicura un capitale fino a 100.000 euro. Questo fattore ha rassicurato molti clienti.

I pareri negativi dei clienti sul conto corrente Intesa Sanpaolo XME

Tuttavia, pur se l’alta flessibilità un punto di forza di questo conto corrente, è da notare che qualche cliente si è lamentato per i costi fissi relativi al canone mensile pari a 6 euro, più alto rispetto ad altri istituti.

Non particolarmente gradita neanche l’imposta di bollo del valore di 34,20 euro all’anno per depositi superiori ai 5.000 euro. Ma in verità si tratta di un costo già visto altrove e comune a tantissime banche. Inoltre, qualche critica è stata fatta anche con riguardo ad alcuni intoppi burocratici attinenti alle procedure in corso e in relazione al servizio fornito dal personale di filiale. Tuttavia, questi ultimi due aspetti si ritrovano spesso anche nei commenti negativi degli utenti, nei confronti di altre banche. Ciò a riprova che mettere d’accordo tutti, non si può.