Presto cambierà lo standard delle trasmissioni televisive, con luglio che porta già a dover fare i conti con le prime novità. Ecco cosa sta succedendo.

Tv Panasonic Intesa Sanpaolo
Foto di Andrés Rodríguez da Pixabay

L’ultimo anno ci ha visto cambiare molte nostre abitudini per via delle varie restrizioni volte a contrastare la diffusione del virus. Un periodo storico particolarmente complicato, che ha visto registrare, complice anche il distanziamento sociale, un aumento dell’utilizzo dei vari strumenti tecnologici, come smartphone e computer. Allo stesso tempo, a continuare a ricoprire un ruolo importante nel mondo della comunicazione è la televisione.

Quest’ultima si presenta come un apparecchio presente ormai in quasi tutte le abitazioni, offrendo la possibilità di attingere in modo facile e veloce a un gran numero di informazioni. Viste le sue caratteristiche, quindi, non stupisce che siano in molti a essere interessati ai cambiamenti che riguardano questo apparecchio, come ad esempio il graduale passaggio al nuovo digitale terrestre. Una vera e propria rivoluzione che non passa di certo inosservata, con luglio che porta già a dover fare i conti con le prime novità. Ma cosa sta succedendo? Entriamo nei dettagli e scopriamolo assieme.

LEGGI ANCHE >>> Green pass, attenti alla batosta: senza vaccino non potrai fare la spesa

Digitale terrestre, luglio ricco di cambiamenti: tutto quello che c’è da sapere

Tv
Foto di StockSnap da Pixabay

A partire da settembre 2021 si assisterà allo spegnimento progressivo della codifica MPEG2 a favore dell’AVC, MPEG4. Dal 21 giugno fino al 30 Giugno 2022, inoltre, avverrà il passaggio al DVB-T2 con lo spegnimento delle trasmissioni in DVB-T. A partire da quel momento, pertanto, tutti i dispositivi non compatibili non riceveranno più il segnale.

Ma non solo, a partire da metà luglio si inizia già a dover fare i conti con i primi importanti cambiamenti. Quest’ultimi concernono l’aggiunta o la variazione di alcuni canali. Entrando nei dettagli, le modifiche di metà luglio riguardano sia i Mux regionali che quelli nazionali e la piattaforma satellitare Tivùsat. In particolare il cambiamento interessa:

  • A livello nazionale i Mux di Mediaset. Sui Mux 1 e i Mux 5 è stato inserito il canale Sky Sport Calcio HD alla posizione 473, al posto di Sky Sport Football. Il  Mux 2 di Rete 4  presenta un nuovo canale alla LCN 235 al posto di Rinbow, che prende il nome di Canale 235.
  • A livello regionale i cambiamenti concernano il Trentino Alto-Adige e le Marche. È stato spento il Mux Videobolzano 33, con il canale che è stato spostato sul Ras Mux 3 alla posizione 10 con il nome di VB33. Si consiglia, inoltre, di risintonizzare in modo tale da verificare le modifiche ai canali del Mux 3 e 4 di Ras. Stesso discorso anche per il Mux 7 Gold Marche.
  • Tivùsat, con l’arrivo di luglio vede la nascita di due nuovi canali. Si tratta della Nuova TV Nazionale alla posizione 813 della piattaforma e il canale Sharing TV alla posizione 820.

LEGGI ANCHE >>> Estate, rinfrescare casa e risparmiare sulla bolletta è possibile: ecco 3 facili trucchi

Per poter vedere tutti i canali, quindi, non bisogna fare altro che risintonizzare il proprio decoder e il gioco è fatto.