Un’app pensata per risolvere una volta per tutte il problema della connettività. Con Piazza Wi-Fi Italia si tocca una nuova frontiera.

Wi-Fi
Foto © AdobeStock

Connessione gratuite, meno facile di quanto si pensi. Per internet, anche se fondamentalmente non ce ne rendiamo conto fino in fondo, si paga. E anche diversi soldi in alcuni casi. La connessione tramite cellulare, sempre a portata di mano, ci fa scordare che è grazie al pagamento di una tariffa, così come quella domestica è legata o al nostro telefono o viaggia da sola, portandoci sempre a caccia di offerte. Tuttavia, anche quando siamo in vacanza, riuscire a trovare libera e totalmente gratuita è un’impresa quasi sempre destinata a fallire. Trovarne una, ci fa quasi esultare come per una vittoria.

A ogni modo, non sempre le ricerche sono infruttuose. Anzi. In Italia corre un progetto volto a offrire una connessione non solo veloce ma anche gratuita e diffusa. Niente di strano che il nome sia Piazza Wi-Fi Italia e che i luoghi di connettività aumentino a vista d’occhio, in proporzione alle potenzialità dell’offerta. A sentirla così sembra qualcosa di incredibile. E in un certo senso lo è, se non altro per come è strutturata la proposta.

LEGGI ANCHE >>> Nuovo bonus per le famiglie: il Pc e la connessione a tutti

Piazza Wi-Fi Italia: come funziona la connessione gratis

Una delle cose migliori è che a essere coinvolte non sono solo le grandi città. Questo significa che per usufruire di questa connessione Wi-Fi non ci sarà bisogno di recarsi in una metropoli ma anche, magari, nel piccolo borgo dove c’è la vecchia casa dei nostri nonni. Tanto per rendere l’idea, una delle regioni più avanti con Piazza Italia è l’Umbria, dove il digital divide si è fatto sentire maggiormente. L’idea è stata lanciata dal Ministero dello Sviluppo Economico e si pone l’obiettivo di consentire ai cittadini di connettersi gratuitamente tramite un’app.

LEGGI ANCHE >>> Vodafone, batosta imprevista: la tariffa più ambita aumenta di prezzo

La rete, ancora in fase di sviluppo, è realizzata da Tim e guidata, nella sua messa a punto, da Infratel Italia. Tutto è cominciato il 23 gennaio 2019 ma è da marzo 2020 che è scattata l’accelerazione quando, in piena pandemia, è stato esteso lo sviluppo alle strutture sanitarie e ospedaliere. Risultato, 5 mila hot spot gratuiti. Il funzionamento non è complicato: con un fondo di 45 milioni è stato creato un nuovo canale di connessione Wi-Fi, al quale accedere semplicemente scaricando l’app WiFi Italia, sia su Android che su iOS. In questo modo, l’accesso sarà automatico, senza necessità di reinserire le proprie credenziali. Al momento, ne beneficiano circa 4 mila comuni, cominciando da quelli colpiti dal terremoto del 2016 fra Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. Con un occhio di riguardo ai comuni sotto i 2 mila abitanti.