Quanti soldi è opportuno tenere sul conto corrente, in base al proprio reddito e stile di vita, per vivere una vita felice? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Conto corrente pignoramenti
Foto: Web

Gli ultimi mesi sono stati segnati dall’impatto del Covid che continua ad avere delle ripercussioni negative sulle nostre esistenze sia per quanto concerne l’aspetto sociale che economico. Molte attività, purtroppo, hanno dovuto abbassare le saracinesche, costringendo un gran numero di persone a dover fare i conti con una difficile gestione del budget famigliare. Un periodo storico difficile, caratterizzato dall’incertezza del futuro, che porta molti a volgere un occhio di riguardo al mondo del risparmio, lasciando i proprio soldi sul conto corrente.

A proposito di quest’ultimo sono in molti a chiedersi se vi è una soglia oltre alla quale è possibile incorrere in dei rischi, sia dal punto dei vista dei costi da sostenere che eventuali controlli da parte del Fisco. Ma non solo, vista la situazione attuale che ci ritroviamo a vivere, anche a causa dell’inflazione in aumento, sono molti i risparmiatori che si chiedono quanti soldi è opportuno tenere sul proprio conto corrente in base al proprio reddito e stile di vita. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Buoni fruttiferi o conti deposito, attenzione: come investire al meglio i propri sold

Conto corrente, quanti soldi tenere per vivere felici: cosa c’è da sapere

Gestire il bilancio famigliare non è sempre semplice e per questo motivo è bene prestare attenzione ad alcuni accorgimenti, in modo tale da fare la scelta giusta in base alle proprie esigenze. In particolare sono in molti a chiedersi quanti soldi è opportuno avere sul conto in base al proprio stile di vita e reddito.

A tal proposito si consiglia, in genere, di possedere almeno tre conti. Uno per l’accredito dello stipendio e l’addebito delle spesse fisse. Il secondo per gestire le spese variabili e il terzo per mettere i soldi destinati a fruttare. Ovviamente, per ottenere il massimo risultato, si deve tenere conto dei relativi costi di gestione, onde evitare di erodere inutilmente il proprio capitale.

LEGGI ANCHE >>> Lotta all’evasione: entro quanto tempo il Fisco può notificare un accertamento

A proposito di quest’ultimo, è inutile sottolineare che ognuno detiene una quantità di soldi differente, in base al proprio modo di vivere e reddito. Proprio per questo motivo non è possibile stabilire a priori quanti soldi tenere sul proprio conto per vivere felice. Il consiglio, quindi, è quello di lasciare almeno dalle tre alle cinque mensilità, in modo tale da avere sempre dei soldi a cui poter attingere in caso di imprevisti.