Frigorifero, luce, lavastoviglie e quant’altro. Per sopravvivere al caldo e non maltrattare il portafogli, esistono delle strategie vincenti.

Caldo elettrodomestici
Foto © AdobeStock

Aria condizionata, frigorifero e quant’altro. Con l’arrivo del caldo, inutile nascondercelo, arrivano anche le stangate in bolletta. E non perché sia un tradizionale periodo di rincari ma perché la tendenza naturale dell’individuo è quella di innalzare i livelli di consumo, L’afa naturalmente contribuisce. Specie se, come quest’anno, tende ad arrivare parecchio in anticipo sulla tabella di marcia. E allora, fra aria condizionata e voglia di una bibita fresca, l’elenco delle cose da fare prevede sicuramente anche il consumo a oltranza di energia per poter godere del refrigerio.

Il condizionatore, ad esempio, negli ultimi anni è diventato un mantra. Non esiste ufficio che non lo abbia e, soprattutto, è fuor di dubbio che abbia giocato il suo ruolo nell’alzare la fornace estiva all’esterno, con le scorie di aria calda sparate all’esterno per concederci di non boccheggiare. Ma al di là dei discorsi sostenibili, qui si pone sempre il solito problema: come si può sopravvivere al caldo e, allo stesso tempo, non lasciarsi gelare dalla bolletta quando arriverà?

LEGGI ANCHE >>> Spese auto, la lista è lunga: quanto spendiamo l’anno per le 4 ruote

Caldo, cinque opzioni di risparmio

In realtà un segreto c’è. Anzi, cinque segreti per la precisione. Combinare la salvezza del pianeta utilizzando al meglio l’energia e, di conseguenza, quella del nostro portafogli non è poi una chimera. L’agenzia Selectra lo ha dimostrato, disponendo una guida interessante per il fai-da-te domestico e utile soprattutto per salvaguardare aria che respiriamo e soldi che guadagniamo. Una gestione più accurata del condizionatore, ad esempio, potrebbe consentirci di risparmiare parecchio. Mediamente, con un’accensione per 6 ore, si aggiungono circa 25 euro alla bolletta mensile della luce. Con i filtri sporchi si salirebbe ancora. In ambienti grandi, installare più dispositivi sarebbe conveniente, da accendere a fasi alterne nelle zone meno frequentate. Oppure puntarli in alto, così che l’aria non trovi ostacoli. Sembra nulla ma è un’accortezza che evita parecchi problemi.

LEGGI ANCHE >>> Risparmi, investire e far fruttare i propri soldi senza rischi è possibile

Parsimonia nell’uso dell’asciugatrice (meglio puntare sul caldo sole) ma anche una manutenzione costante del frigorifero rappresentano piccoli consigli utili. Per non parlare dell’utilizzo parsimonioso della luce. Utilizzare il led, ad esempio, consentirà di consumare energia per circa il 90% in meno. Costano poco di più delle altre ma durano di più, si fulminano meno e, soprattutto, non producono calore. Ergo, sono anche più sicure. Ultimo consiglio, l’uso della lavastoviglie: per risparmiare circa il 15% di energia, meglio evitare il prelavaggio e il pieno carico. Asciugare i piatti, inoltre, meglio farlo con l’aria rovente. Ma quella naturale.