Il Garante della Privacy getta l’allarme: mettere il Qr-Code del Green Pass sui social può rivelarsi alquanto rischioso. Scopriamo i motivi.

Pixabay

Sempre più persone ostentano sui social l’ottenimento del Green Pass Covid mettendo il Qr-Code ricevuto. Questa operazione comporta dei rischi che è bene conoscere oltre a provocare danni di primaria importanza verso l’uso generale del Pass.

Leggi anche >>> Green Pass, attenti alla truffa: la trappola è dietro l’angolo

I rischi del Qr-Code sui social

Esibire il Qr-Code del Green Pass è un’azione da evitare perché ha delle specifiche conseguenze. Il codice a barre bidimensionale contiene un numero elevato di informazioni e dati personali che apparentemente sono invisibili ma che sono facilmente leggibili da chi sa come procedere.

Un perfetto estraneo potrebbe venire a conoscenza delle date in cui il vaccino è stato fatto, quale vaccino è stato somministrato, se abbiamo fatto dei tamponi e il loro risultato, se abbiamo avuto il Covid. Queste sono solo alcune delle informazioni contenute nel Qr-Code  che devono essere mostrate solamente a chi ha l’autorità per richiederle come le forze dell’ordine. Inoltre, la lettura del codice deve avvenire esclusivamente tramite l’App del Governo, unico modo per schermare i dati che non occorre far conoscere.

Leggi anche >>> Green Pass e Passenger locator form: scopriamo come organizzare le vacanze estive

La pericolosità dell’esibizione sui social

Adobe Stock

Postare il Qr-Code sui social significa mettere in pericolo sia sé stessi che le altre persone. Nel primo caso si lasciano sul web informazioni strettamente personali alla portata di tutti. Ciò significa che chi ha cattive intenzioni potrebbe usare quei dati per un qualsiasi scopo. La principale finalità è la discriminazione. Un datore di lavoro, per esempio, potrebbe negare un’occupazione dopo aver visto che il candidato non ha fatto il vaccino perché ha una particolare patologia.

Altre persone potrebbero utilizzare le informazioni per truffe specifiche oppure per svolgere attività non lecite ai fini della profilazione commerciale. O ancora, potrebbero girare codice falsi che inficerebbero l’utilità del Green Pass.

In conclusione, se proprio volete far sapere al mondo di aver fatto un vaccino evitate di postare il Qr-Code e limitatevi ad utilizzare le vecchie care parole.