La nuova truffa del bonus carrello spesa fa leva sul nome dell’Inps per raggirare i malcapitati di turno. In che modo accorgersene e come si può sventarla 

Buono spesa carrello

In tempi di bonus è difficile far confusione e capire quali realmente sono veri e quali invece dei fake utilizzati da truffatori malintenzionati. Nell’ultimo periodo infatti sono state molteplici le truffe escogitate sfruttando i sussidi erogati dall’Inps.

Di fatto l’istituto di previdenza sociale viene utilizzato come mezzo per arrivare al solito fine subdolo, ovvero accaparrarsi i dati personali degli utenti ed utilizzarli a proprio piacimento. Vediamo nel dettaglio come funziona quella inerente il buono carello spesa da 1500 euro che sta imperversando in queste settimane.

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp: buono spesa da 500€, ma Esselunga smentisce: “E’ una truffa”

Buono carrello spesa 1500 euro: come funziona la truffa

In pratica alle vittime prescelte viene mandato un Sms (ci si avvale quindi del meccanismo dello smishing) a nome dell’Inps in cui si invita a compilare un form a cui si accede cliccando su un link in cui vengono richiesti i propri dati anagrafici e altre informazioni di carattere personale come numero di telefono ed email.

Tutto questo in cambio di un buono spesa da parte dell’Inps dal valore di 1500 euro, che ovviamente non arriverà mai. Il testo che viene inviato e da cui bisogna assolutamente diffidare è pressappoco il medesimo: “Compila i tuoi dati e ricevi il buono carrello spesa da 15.000 euro” seguito dal deleterio link.

Una volta compilata la scheda non si potrà far più nulla per tornare indietro. Le informazioni rilasciate possono essere utilizzate per qualunque scopo da parte degli hacker. Quindi, per chi non ha dimestichezza con queste dinamiche, l’unica via da seguire è quella di cancellare i messaggi di dubbia provenienza, al pari di quelli che arrivano su whatsapp inerente i vaccini.

LEGGI ANCHE >>> Buono spesa da 500 euro, i requisiti li fissano i Comuni: chi può fare domanda

Per ottenere informazioni utili in tema di bonus l’unica fonte reale ed è ufficiale è il portale dell’Inps. Messaggi, catene e chat non sono piste contemplate, anzi sono quasi sempre sinonimo di guai in questi casi.