Il Bonus bebè continuerà a protrarre i suoi effetti per tutto il resto dell’anno. E, secondo alcuni siti, è anche possibile capire la data di erogazione.

Bonus bebè
Foto di BRUNA BRUNA da Pixabay

E’ stato uno degli incentivi più richiesti, quello dell’assegno di maternità. Meglio conosciuto come Bonus bebè, ha fatto parte della schiera dei sostegni stanziati nel 2020-21 per far fronte in modo strutturato alle difficoltà imposte dalla pandemia. E, nondimeno, si è inserito nel filone dei bonus pensati per le famiglie i quali, visto che l’anno non è ancora terminato, possono continuare a portare i loro benefici a chi ne ha accesso. Per quanto riguarda il Bonus Bebè, si parla di un assegno a cadenza annuale per i primi 12 mesi di vita del bambino che ne beneficia. A specificarlo è proprio l’Inps, che riferisce come il Bonus “viene corrisposto ogni mese fino al compimento del primo anno di età o del primo anno di ingresso nel nucleo familiare a seguito di adozione o affidamento preadottivo”.

Le categorie di beneficiari sono diverse, senza contare che per le famiglie con figli appena nati e in tenera età sono previsti dei trattamenti più larghi. L’importo corrisposto dipende da alcuni fattori variabili, primo fra tutti la situazione reddituale, ma anche la questione delle tempistiche interessa alquanto i fruitori.

LEGGI ANCHE >>> Dalle pensioni al bonus bebè, occhio ai pagamenti di aprile: le date da segnare

Bonus bebè, date e importi: cosa c’è da sapere

Come detto, il Bonus bebè è un incentivo pensato per le famiglie con un figlio neonato nel proprio nucleo familiare o con un figlio in affidamento o adottivo, che diverrà parte integrante della famiglia. L’importo erogato è collegato al reddito complessivo di cui usufruiscono le famiglie richiedenti. Ovvero niente di troppo diverso da ciò che avviene per altri bonus erogati dal governo. Inoltre, rispetto ad altri incentivi, viene concesso anche per altri figli successivi al primo. In questo caso, l’importo verrebbe maggiorato del 20%. L’importo base parte dagli 80 euro, fino ad arrivare a un massimo di 160.

LEGGI ANCHE >>> Dall’assegno unico al cashback, importanti aiuti in arrivo: ecco i bonus di luglio

Il Bonus bebè è a tutti gli effetti un sostegno monetario. E, come tutti gli altri provvedimenti di aiuto disposti dagli esecutivi succedutisi durante la pandemia, non hanno conosciuto una data di erogazione fissa. Tuttavia, secondo The Italian Times, il termine di pagamento sarebbe già stato attivato da diversi giorni. Perlomeno in un periodo compreso fra il 10 e il 18 giugno per gli importi destinati al mese di maggio. Se può essere utile una somma due più due, c’è da ritenere che per il mese di giugno possa funzionare allo stesso modo. Quindi, in questo senso, potrebbero essere indicativamente usate le prime due settimane del mese di luglio.